Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 25 giugno 2012

Il Giornaletto di Saul del 26 giugno 2012 – Non-resoconto dell'Incontro Collettivo Ecologista (prima parte), Quaderni di Vita Bioregionale

Particolare del Cerchio alla Cerimonia Fondativa dell'Incontro Collettivo Ecologista - Aprilia, Campo del Vetiver, 22 giugno 2012


Care, cari,

son qui sotto una tettoia di plastica e metallo del bus stand di Macerata. L'afa è tanta.. ma anche questa al fine è fatta: l'Incontro Collettivo Ecologista is over!
Mi sono liberato anche di questa karma pesante e gioioso allo stesso tempo. Il 22, 23 e 24 giugno sono stato ad Aprilia, in “culo al mondo”, nel campo del vetiver di Benito Castorina. Lo scopo? Mantenere una promessa e porgere i miei omaggi ed saluti ad alcuni amici vecchi e nuovi. Fatalità, com'era prevedibile, si è parlato e si è praticato assieme il bioregionalismo, l'ecologia profonda e la spiritualità laica. Uffah! State ora leggendo un non-resoconto poiché qui col caldo, ed una stanchezza che non provavo dalla notte dei tempi, non sento di voler scrivere alcunché di sensato.. solo sensazioni e flash di immagini vissute.. - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/06/non-resoconto-dellincontro-collettivo.html

Ah, in allegato potete leggere i Quaderni di Vita Bioregionale del solstizio estivo 2012 che abbiamo presentato ad Aprilia. Ringrazio ancora Daniela Spurio per l'impaginazione e Riccardo Oliva e Caterina Regazzi per la stampa.

Per chi non leggesse gli allegati i Quaderni sono anche disponibili a questo link:
http://www.appuntameta.it/files/varie/Quaderni.pdf

Ora vi saluto, Paolo/Saul

….........

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

" My Guru told me: ' Trust me. I tell you, you are divine. Take it as the absolute truth. Your joy is divine; your suffering is divine too. All comes from God. Remember it always. You are God, your will alone is done'. I did believe him ad soon realised how wonderfully true and accurate were is words. I did not condition my mind by thinking: ' I am God, I am wonderful, I am beyond'. I simply followed his instruction which was to focus the mind on pure being ' I am', and stay in it. I used to sit for hours together with nothing but the ' I am' in my mind and soon peace and joy and a deep all-embracing love became my natural state. In it all disappeared- myself, my Guru, the life I lived, the world around me. Only peace remained and unfathomable silence." (Nisargadatta Maharaj)


Ah! - Stai ricevendo questa newsletter perché sei iscritto alla mailing list del Giornaletto di Saul. Se non vuoi più ricevere comunicazioni non allarmarti, è semplicissimo cancellarsi. Puoi rispondere a questa email chiedendo (si spera gentilmente) la cancellazione. Grazie di averci letto finora!

Nessun commento:

Posta un commento