Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 8 ottobre 2010

Il Giornaletto di Saul del 9 ottobre 2010 – Posta interposta, federalismo bioregionale, no ogm, biciclette a Roma, lago di Vico, bubù settete...

Care, cari,

scrive Maria Clotilde Balestrieri per Peter Norbert Semrau: “Ciao Paolo ti ringrazio di mandarmi il Giornaletto. Ieri l'altro ci ho trovato un articolo al quale vorrei rispondere, ma non so come si fa ti mando qui sotto la risposta che vorrei veder pubblicata, grazie. Ho saputo dei tuoi spostamenti chi sa che non riusciremo arrivederci! Ti abbraccio. Lettera per Peter Norbert Semrau:
Ciao Peter! Che piacere sentirti su questo Giornaletto! Avevo già avuto notizie delle tue attività da Tiziana l'anno scorso, quando è venuta a Pietralunga dopo che avete ospitato i nostri ragazzi. Spero stiate bene entrambi e anche le vostre bellissime figlie! Mi interessava sapere qualcosa sull'intossicazione da mercurio causata dalle alghe, di cui mi ha parlato Tiziana, e anche come ci si può disintossicare e i pericoli attuali di questa intossicazione secondo le tue conoscenze. Se ti va puoi parlarne in questo giornale, sicuramente ci sono altre persone interessate. Saluti a tutti voi”

Mia rispostina: “Cara Clotilde, son contento di risentirti... spero tu sia in buona salute spirituale e fisica..  a giudicare dal tuo tono pare proprio di sì. Mi ha telefonato ieri Roberto Caivano che verrà a San Severino il 30 ottobre, per l'incontro bioregionale, tra l'altro ho invitato anche Norbert.. perché non vieni anche tu? Hai visto il programma?
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/10/07/30-e-31-ottobre-2010-san-severino-marche-%e2%80%93-incontro-annuale-della-rete-bioregionale-italiana-in-occasione-di-samahinognissanti-%e2%80%9cbentornati-a-casa%e2%80%9d/ -”

Mi tocca tornare sul discorso del “federalismo” vista la spinta governativa verso l'attuazione di una riforma che contribuirebbe ad alienare ulteriormente il senso dell'appartenenza al luogo allontanando vieppiù gli abitanti dalle istituzioni ed oscurando l'identità locale, nazionale ed Europea:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/10/08/paolo-darpini-%e2%80%9cil-vero-federalismo-e-solo-bioregionale-no-alle-regioni-carrozzoni-si-alle-province-espressione-della-comunita-locale-%e2%80%9d/

Scrive Michele Trimarchi: “La Natura, con i suoi millenni di Storia, rappresenta per l’Intera Umanità “L’Università” da cui attingere le Conoscenze che hanno portato, e portano ancora, alla Saggezza; per cui, se ci chiediamo da dove proviene la Saggezza Contadina, la nostra risposta non può che essere questa. I grandi “libri” della Vita sono racchiusi nei semi e nelle sementi che, con la loro memoria contenuta nel patrimonio genetico, contengono in potenza il progetto specifico di ogni singola pianta o animale o essere vivente e, allo stesso tempo, rappresentano la storia evolutiva del mondo biologico e dell’Umanità”. Leggete tutto l'articolo: http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/10/michele-trimarchi-ogm-saggezza.html

Scrive Manuela Dalla Val: "30-31 OTTOBRE 2010 10°CONVEGNO INTERNAZIONALE "GUARIGIONE E TERAPIE OLISTICHE" TEATRO TONIOLO VIA GALILEI 23 CONEGLIANO (TV). Info. info@oltrelinfinito.it -"

Scrivono i Poeti d'Azione: "Concerto di beneficenza in memoria dell'artista Daniela Romano, maestro di pittura. L'evento (ingresso libero) e' per sabato 9 ottobre a Roma, presso la Basilica di Santa Prassede, alle ore 19,00. Il concerto e' organizzato dall'Associazione 'San Benedetto padre di molti popoli'. Interverranno: Paul Poupard, Domenico Naccari, Giancarlo Pittelli, Andrea Pamparana, Luca Catagneri, Ennio Stamile, Alessandro D'Agostini. Musiche di J.S. Bach, W. A. Mozart, G. Bohm, A. Scarlatti, F. Mendelssonhn, M. E. Bossi, C. Franck. A eseguire i brani Rosa Antonuccio, Roberto Canali, Francesco Laino. Info. poetidazione@yahoo.it -"

Scrive Roberto Crosti: "Chiediamo che l'orario in cui è consentito il trasporto al seguito delle biciclette sulla metropolitana di Roma sia esteso interamente ai giorni lavorativi con una carrozza riservata a questo servizio così come è avvenuto nei giorni scorsi a Napoli per la linea 6 e così come avviene già da anni nel resto dell'Europa civile. Avanzare una richiesta del genere ai nostri amministratori è un nostro diritto/dovere. Attualmente durante le ore di punta non è consentito trasportare biciclette sulla metropolitana pertanto l'intermodalità non viene favorita e molti cittadini che abitano in zone lontane dal centro sono costretti a rinunciare all'utilizzo di tale mezzo. Estendere l'orario in cui poter trasportare biciclette renderebbe la nostra città più "gentile". I benefici di tale misura sono rivolti a tutti i cittadini, non solo ai ciclisti. Sarebbe un primo passo per rendere la nostra città meno congestionata dal traffico. Meno macchine comporterebbero un minor inquinamento e di conseguenza benefici per la nostra salute, per la salute dei nostri monumenti e maggior sicurezza sulle nostre strade. Firmate la petizione:
http://www.petizionionline.it/petizione/biciclette-sulla-metropolitana-tutti-i-giorni-anche-a-roma/2220 -”

Scrive Domenico Scilipoti: “Nel Lago di Vico, nel viterbese, dove una gestione criminale dei rifiuti, soprattutto con scarichi abusivi, e l'utilizzo abnorme di pesticidi, ha provocato l'inquinamento del bacino idrico e causato lo sviluppo sproporzionato della cosiddetta alga rossa, ricca di tossine che possono avere effetti neurologici, epatici e cancerogeni. Da anni, ormai, denunciamo questa pericolosissima situazione: l'acqua contenente l'alga rossa finisce nelle falde acquifere; da queste falde si attinge acqua potabile e per usi irrigui; i cittadini bevono e mangiano acqua e cibi inquinati. Se si continuano a irrorare i terreni limitrofi al lago con ancora eccessivi quantitativi di sostanze fertilizzanti e fitofarmaci, una tragedia simile a quella di Kolontar, sempre in agguato, potrà creare danni incalcolabili al territorio e alla salute...."

Bubù Setteteee.. Berlusconi é innocente e santo, con le telefonate alla Marcegaglia lui non c'entra niente, anzi é stato solo uno scherzo, lo dice pure Mezzano:
http://paolodarpini.blogspot.com/2010/10/i-vertici-de-il-giornale-hanno.html

Pian piano anche oggi abbiamo chiuso, ciao Saul/Paolo

….....

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Stretto é il sentiero dell’amore…  due non ci stanno!” (Sant Kabir)

Nessun commento:

Posta un commento