Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

giovedì 14 ottobre 2010

Il Giornaletto di Saul del 15 ottobre 2010 GRECIA, cattolici poco etici, Coopi a Roma, la cacciata da Facebook, Cina cinese, cesti ad Agnone

Care, cari,

scrive Doriana Goracci: “Non pagheremo per i vostri errori. Così ha annunciato un gruppo di lavoratori precari del Ministero greco della Cultura, bloccando ieri l'altro l'entrata dell'acropoli di Atene e impedendo ai turisti di visitare il principale sito archeologico nazionale. I manifestanti chiedono il rinnovo del contratto e protestano contro i licenziamenti. La mobilitazione dei lavoratori iniziata precedentemente, ma senza impedire ai turisti di accedere al Partenone, si é invece trasformata nel blocco delle attività dei turisti, dalle 8 locali (le 7 italiane) fino alle 18. I lavoratori hanno innalzato un grande striscione sul quale stato scritto: Non pagheremo per i vostri errori. Ed ora, sempre da Doriana, una notizia più leggera e divertente, per la quale siamo disposti noi a pagare per venirne a conoscenza... Non perdete questa chicca: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/10/14/doriana-goracci-%e2%80%9c-scacciata-dal-gotha-di-facebook-per-colpa-di-una-piastrella-oscena-%e2%80%9d-forse-e-tempo-di-abbandonare-il-virtuale-per-un-vero-%e2%80%9critorno-a-casa%e2%80%9d/

Scrive Gianni Donaudi sul fatto soprastante: "CARISSIMA DORIANA, Ti esprimo tutta la mia solidarietà sperando che presto tu sia reintegrata. Un forte abbraccio"

Commenta Caterina: “Anche io solidarizzo con Doriana Goracci, un'altra penna che amavo leggere su Internet anche prima di te, anche da Peacelink forse l'avevano cancellata. E da lì mi sono letta quasi tutto il resoconto della manifestazione.. Ed a proposito del Ritorno a Casa mi verrebbero da dire altre cose sul mondo in cui viviamo e sulle "vibrazioni" che questo emana, negative o positive che siano; il mondo in cui viviamo, la terra che calpestiamo tutta una e l'aria sempre la stessa e purtroppo non tutti possiamo vivere nel bellissimo podere in collina con le galline e le erbe di campo tutte naturali........ magari! Non é un rimuginamento, ma la certezza che ogni luogo buono per viverci, ma viverci davvero ed io purtroppo non lo vivo completamente come vorrei....... ma bello o brutto che sia, lo sento la mia casa e vorrei fare qualcosa per conoscerlo meglio e -perché no?- aiutarlo a mantenersi e a migliorarsi..”

Scrive Sara: “...ognuno di noi ha avuto il diritto alla vita e quindi il diritto di viversi in ciò che viviamo. Estremamente invadente e poco intelligente pretendere che le cose siano come a noi piacerebbe...ogni essere umano, avendo ricevuto il dono della vita ha la libertà di viversi. Se una cosa non é di nostro gradimento bisognerebbe essere abbastanza intelligenti da non prenderla in considerazione!
La vita una scuola di vita....”

Scrive Peter: “Paolo carissimo, il "divino" un'espressione tanto usurpata che può anche venir scambiata con "diabolico", forse meglio dire: "imponderabile", o sbaglio? Ciononostante spero che divino per Te voglia dire che tutto va benissimo e che non ti piove in casa, etc.”

Mia rispostina: “..anche Osho usava quel termine il cui significato appunto é quello”

Ed ora leggete l'articolo di Franco Libero manco sulle responsabilità dell'uomo verso gli animali e su come le prescrizioni etiche vengono disattese dal mondo religioso e particolarmente cattolico-cristiano:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/10/14/vegetarismo-come-evoluzione-sociale-allorche-il-cristianesimo-abdica-la-sua-funzione-etica-e-morale-in-funzione-dellinteresse-materiale/

Scrive Coopi, ONG fondata nel 1965, che svolge progetti di sviluppo e interventi di emergenza nel mondo: “IO NON ME NE FREGO! E' l'urlo di tutti coloro che lottano con COOPI contro la povert IO NON ME NE FREGO verrà gridato da COOPI in Piazza Montecitorio il 14 ottobre dalle 14 alle 20. Un vero e proprio strike che punta a richiamare l'attenzione dei deputati sugli impegni presi dal Governo Italiano nella lotta alla povertà Il 17 ottobre ricorre la Giornata Mondiale dell'ONU per lo sradicamento della povertà. Sebbene negli ultimi anni ci siano stati dei significativi progressi nell'aumento del reddito medio pro-capite globale, la crisi finanziaria ha rigettato in condizioni di indigenza 64 milioni di persone. La Banca Mondiale stima che altri 40 milioni sono ritornati a soffrire la fame a causa dell'aumento dei prezzi del cibo e della benzina. Povertà vuol dire molte cose: non avere accesso ai servizi sanitari, morire di parto o di HIV, non andare a scuola, non bere acqua potabile, essere costretti a lavorare a 7 anni. Nel 2010, nel mondo centinaia di migliaia di bambini muoiono ancora di malaria, una malattia facilmente curabile. Nel 2010, le donne dell'Africa sub-sahariana devono percorrere in media 6 km al giorno per avere accesso all'acqua potabile.... Info. sostegnoadistanza@coopi.org - ”

Scrive il Centro di cultura ecologica di Roma: “Sabato 16 Ottobre: Mercato Agricolo Biologico e dell'AltraEconomia dalle 9.00 alle 14.00 al C.C.E. Il compleanno del MercatoBIO di Aguzzano del terzo sabato di ottobre, un appuntamento importante per il Centro di Cultura Ecologica e per i cittadini del quartiere. Speriamo di poterlo festeggiare insieme all'esito della sentenza del TAR, che si esprimerà in merito al nostro ricorso verso il Comune di Roma. info@centrodiculturaecologica.it -"

Or ora, da altra fonte, mi giunge la comunicazione che il Tar ha sospeso lo sgombero di cui sopra, leggete tutto e se volete firmate per solidarizzare: http://paolodarpini.blogspot.com/2010/10/13-ottobre-2010-il-tar-del-lazio.html

Scrive Francesco D'Ingiullo: "Ciao a tutte/i, voglio segnalarvi i prossimi corsi che stiamo preparando: - 20 e 21 novembre a Pescopennataro vicino Agnone: corso di cesteria in collaborazione con ItaliAdventure http://www.italiadventure.it/il-progetto/laboratori.html - 26-29 novembre in preparazione a Chieti: corso di cesteria, corso di autoproduzione di sandali e corso di cosmesi naturale. Sono a disposizione per qualsiasi info e prenotazione (i posti sono limitati e ci sono già diverse prenotazioni, quindi affrettatevi). figliodelnibbio@libero.it -"

Scrive la Filosofia Trevigiana: "Informiamo che la teleconferenza con Pietro Laureano (prevista per il 20 ottobre) rinviata ad una data successiva, per impegni del relatore"

Scrive Alex Zanotelli: "La cittadinanza attiva italiana ha ottenuto una straordinaria vittoria raccogliendo un milione e quattrocentomila firme per chiedere un referendum contro la privatizzazione dell'acqua (Legge Ronchi, 19 novembre 2009)"

Scrive Michele Tamborra: "Il T.A.R. del Lazio ha fissato la data del dibattimento per l'annullamento delle elezioni regionali LAZIO 2010 per il prossimo 21 ottobre. Il ricorso stato presentato da Orazio Fergnani e David Rorro della lista civica RETE DEI CITTADINI, che nello scorso marzo ha presentato inaspettatamente la candidatura di Marzia Marzoli alla presidenza della regione Lazio"

Ed ora al proposito di quanto scritto ieri sulla concessione del “premio” Nobel a Liu Xiaobo scrive Giorgio Vitali aggiungendo il suo carico da 40...: http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/10/la-cina-ed-i-perche-del-nobel-per-la.html

Mi sono perso qualche intervento, lettera ed appuntamento a causa di una improvvisa interruzione della corrente elettrica.. e ad un mio errore di cancellazione del testo salvato automaticamente... ed altro ancora! Beh, un segno del destino... Vi saluto, Paolo/Saul

….....

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

LETTERA DI S. PAOLO AI CORINZI.

L'amore paziente,
benigno l'amore;
non invidi...oso l'amore,
non si vanta,
non si gonfia,
non manca di rispetto
non cerca il suo interesse,
non si adira,
non tiene conto del male ricevuto,
non gode dell'ingiustizia,
ma si compiace della verità
L'amore... tutto copre,
L'amore... tutto crede
L'amore... tutto spera
L'amore... tutto sopporta
L'amore non avrà mai fine.

1 commento:

  1. Nel titolo del Vostro giornaletto del 15 ottobre è indicato "La cacciata da Facebook", ma nel testo non trovo la notizia. Mi interessa perché anch'io sono stato cacciato da Facebook, o meglio "disabilitato". Quando ho cercato di saperne di più, mi è stato risposto (attraverso FAQ) che chi è disabilitato, a norma di regolamento, non può sapere perché. Molto democratico, che ne dite?

    RispondiElimina