Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 25 febbraio 2017

Il Giornaletto di Saul del 26 febbraio 2017 – Giustizia, liberisti insistenti, Sinistra: c'è ancora Speranza, stop al Glifosate, libertà e collaborazione, veneti per sempre, chiarimento sul concetto di “spiritualità laica”...


Risultati immagini per Giustizia

Care, cari, cara Caterina, nella giornata mi sei venuta spesso in mente, anche Paolo ma tu di più, oh, pensieri belli. Riguardo le nostre letterine che Paolo pubblica, ho un'idea. Oggi insieme a Tiziano e due amici abbiamo fatto una meditazione, dove ho proposto un argomento. Quello che è emerso nella condivisione finale, è che ne siamo usciti tutti arricchiti. Vengo al sodo. Se io scrivo, facendo una domanda, concordiamo che tu mi risponda e metti che Paolo pubblichi domanda e risposta, questo sta già succedendo ed è molto piacevole. Ma se insieme riuscissimo a invogliare altri lettori a rispondere, chissà dove ci porterebbe? Esempio: Cos'è per te la "Giustizia"?  (questo l'argomento della meditazione di oggi). Bene sarà, scegliere temi di interesse comune che sono tanti. Paolo, nel caso fosse d'accordo, sceglierà quanto spazio riservare a queste opinioni. Cosa ne pensate?... (Maria)

Libertà e collaborazione – Scrive Antonino Andaloro: “Quanto sarebbe bello se esistesse nei comportamenti di tutti gli italiani quella elasticità che aiuterebbe a superare i blocchi mentali/sociali/politici, costruiti senza accorgercene. Quanto sarebbe bello per tutti, se all'improvviso decidessimo di trascorrere un week end con gli anziani, con i poveri, con i disabili...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/02/liberta-e-collaborazione-quanto-sarebbe.html

Commento di Laura Martorana: “Sarebbe davvero bello se ognuno adottasse il detto: "Vivi e lascia vivere" ...Sogno... utopia... l'essere umano è fatto col dualismo e per raggiungere l'unità deve passare attraverso il fuoco dentro il tunnel buio del nemico”

Deregolamentazione liberista nociva – Scrive Vincenzo Zamboni: “...i liberisti insistono a dire che che la deregolamentazione del "libero mercato" crea automaticamente la migliore distribuzione della ricchezza. Ma allora come si spiega che pur continuando a smantellare le vecchie regolamentazioni economiche e distruggendo il vecchio stato sociale (a loro dire un onere che appesantisce e frena l'economia) gli stati devono continuare a spendere soldi (dei cittadini) per salvare le banche dal fallimento? I fatti mostrano che la realtà delle cose funziona in modo opposto a quanto sostenuto dai liberisti: senza regolamentazione l'economia va peggio, e i fallimenti aumentano, salvo evitarli iniettando denaro del popolo nei fallimenti dei ricchi. Il sedicente liberismo è solamente l'inganno di una lotta di classe padronale del capitale contro il lavoro...”

Sinistra. C'è ancora Speranza...? - Scrive Gianni Caroli: “Il personaggio più interessante emerso in questo nuovo post-8 settembre, di cui il Governo Gentiloni di compromesso nazionale rappresenta il 'momento' di Bari, è certamente Roberto Speranza, non solo x il nome. E' un dirigente politico a tutto tondo, la cui mancanza di telegenìa RAPPRESENTA PERFINO UN VANTAGGIO in termini di capacità raziocinante. Un oratore, ma niente affatto rétore, per la capacità di argomentare e persuadere una platea qualificata. Che in politica il pubblico, non è mai indifferenziato...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/02/cambiamenti-in-casa-pd-e-tempo-di.html

Commento di Costanzo Preve: “Dopo il Sessantotto la Sinistra è diventata l'ala culturale ed artistica marciante di un nuovo capitalismo post-borghese, che ha cancellato la matrice originaria dello stesso comunismo di Marx. Dal momento che qualsiasi programma di de-globalizzazione implica il rafforzamento del "pubblico", e cioè della sovranità economico-politica dello stato nazionale, la sinistra sicuramente vi si opporrà, dando luogo ad un curioso e funesto gioco delle parti, e cioè la globalizzazione "liberista" a destra e la globalizzazione "anarchica" a sinistra, che marceranno separate, e colpiranno unite qualsiasi programma di liberazione nazionale e sociale, infallibilmente connotato come "populista"...”

Stop al Glifosate – Scrive Giuseppe Altieri: “A completare i Crimini Umanitari forse pochi sanno che il Glifosate è stato autorizzato anche in Italia dal 2014 per disseccare i cereali prima del raccolto! Incredibile… proprio quando il Glifosate dichiarato cancerogeno sta per essere bandito dal territorio Europeo, le multinazionali in Italia sono riuscite a farsi autorizzare addirittura l’uso per seccare il grano prima della raccolta, così come l’orzo e altri cereali. Dai campi dei sterminio allo sterminio dei campi! Ma quale funzionario impazzito del ministero della “malattia” può aver permesso un tale scempio? Firmiamo tutti per vietare il Glifosate...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/02/25/dai-campi-dei-sterminio-allo-sterminio-dei-campi-stop-al-glifosate/

Commento di Cosimo Iula: “In un parlamento come il nostro, dove tra la stragrande maggioranza sono annidate le culture dei Razzi e i Scilopoti, cosa potremmo aspettarci dai funzionari che gestiscono la macchina dello Stato?”

Roma. Nonviolenti a Congresso – Scrive Mao Valpiana: “Nei giorni 1 e 2 aprile 2017 si terrà a Roma il XXV Congresso nazionale del Movimento Nonviolento. E' importante che gli iscritti, i simpatizzanti, i gruppi locali, le amiche e gli amici della nonviolenza partecipino attivamente. Ne saremmo davvero contenti...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/02/roma-1-e-2-aprile-2017-xxv-congresso.html

Roma. Il punto di non ritorno – Scrive F.L.M.: “2 marzo 2017, ore 17, c/o AVA, piazza Asti 5/a Roma, conferenza di Susanna Bernoldi: ”PIANETA TERRA: IL PUNTO DI NON RITORNO. Le allarmanti previsioni che possono portare alla rovina o alla nascita di un modo migliore. Info. avapresidenza@gmail.com”

Siria. Tutti a Raqqa! – Scrive Salvo Ardizzone: “I Turchi, con l’appoggio di milizie locali ampiamente foraggiate e del Free Syrian Army (Fsa), ormai divenuto una sorta di corpo ausiliario di Ankara, sono stati fermati sanguinosamente nei sobborghi di al-Bab dai terroristi, ma premono in tutti i modi per andare oltre. Le Syrian Democratic Forces (Sdf), un cartello di milizie egemonizzate dai Curdi delle Ypg, stanno avanzando rapidamente su Raqqa da nordest, grazie all’appoggio sempre più massiccio degli Stati Uniti, e sembrano giunte ad una decina di chilometri dalla città. In realtà, a parte i Siriani, che il Paese loro vogliono finalmente liberarlo sia dai Daesh che dai sedicenti “ribelli” a cui le Sdf sono nella sostanza omologate, dietro alla foglia di fico della lotta al babau dell’Isis, Turchi, Curdi e Americani hanno motivazioni assai diverse e certamente assai meno nobili per entrare a Raqqa....” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/02/25/siria-chi-prende-raqqa-ha-vinto-la-guerra-tana-libera-tutti/

Tav. Terzo valico – Costituzione di parte civile – Scrive Rete Ambientalista: “Costituiamoci parti civili al processo per le tangenti del Tav Terzo Valico. Per le tangenti sono rinviati a giudizio i vertici Cociv. Secondo i PM si tratta di una vera e propria associazione a delinquere: corruzione e tentata estorsione, subappalti in cambio di denaro e favori anche sessuali, ecc. Medicina democratica propone ai Comitati che si stanno battendo contro questa opera grande per inutilità costo e danno, di costituirsi Parti civili nel processo in rappresentanza delle popolazioni liguri e piemontesi. Info. movimentodilottaperlasalute@reteambientalista.it”

Veneti per sempre – Scrive Massimo Formentin: “Pochi Veneti sanno che… come civiltà la loro è più antica di quella romana (Combatterono a fianco dei Troiani contro i Greci – descritti nell’Iliade – “Roma” e gli “Etruschi” all’epoca non esistevano) . Pochi Veneti sanno che il famoso Villaggio della Bretagna che i Romani non riuscivano a conquistare, era un villaggio Veneto (Giulio Cesare – De bello gallico libro II). Pochi Veneti sanno che a scrivere la storia di Roma fu un Veneto, Tito Livio...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/02/bioregionalismo-e-popoli-i-veneti.html

Mio commentino: “Anca mi son veneto, da parte di madre (che si chiamava Giustina Tirabosco, originaria di Bagnoli di Sopra - Padova). Ed in veneto ho vissuto parecchi anni (prima a Trieste e poi a Verona) come cittadino di origine veneta non dimentico le mie origini, delle quali sono orgoglioso....”

Un chiarimento sul concetto di “spiritualità laica” - La spiritualità di per se stessa non può avere qualifiche di sorta, in quanto essa rappresenta la capacità percettiva, la coscienza-intelligenza, e quindi è assolutamente soggettiva (il noumeno). Il fatto  poi che nel corso dei secoli questa coscienza-intelligenza sia stata indicata da varie religioni come una espressione delle rispettive fedi, ha portato a qualificare lo "spirito" e la spiritualità come derivazione e componente di una qualsiasi religione. Ritengo quindi necessario restituire al termine "spiritualità" la sua totale indipendenza da ogni matrice religiosa. La spiritualità è totalmente libera e naturale, una semplice e spontanea espressione della consapevole presenza... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2017/02/un-chiarimento-sul-concetto-di.html

Andiamo avanti! Ciao, Paolo/Saul

….....................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Vivi senza aspettative. Affrontare la vita con aspettative porta inevitabilmente alla frustrazione, sempre e comunque. L’aspettativa è la causa alla radice della frustrazione. Solo se ti muovi senza aspettative, troverai qualcosa; altrimenti la tua mente pretenderà sempre qualcosa, si aspetterà sempre qualcosa: “Questo dovrebbe essere così, e quello dovrebbe essere cosà”. E nel mondo nessuno deve in alcun modo, corrispondere a ciò che tu pretendi, esigi, consideri giusto.” (Osho)




Nessun commento:

Posta un commento