Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 14 febbraio 2017

Il Giornaletto di Saul del 15 febbraio 2017 – Precursori a Treia, Zugliano: Tutto è Uno?, Sathya Sai Baba è vivo, la mafia infinita, le polveri sottili causano demenza...


Risultati immagini per festa dei precursori

Care, cari, caro Paolo, ho visto che vi incontrerete il 23, 24 e 25 aprile 2017 per La Festa dei Precursori a Treia. I Precursori si aiutano, si capiscono, si annusano e poi si coalizzano come fanno gli atomi per formare nuove molecole, e le molecole compongono le cellule e le cellule in armonia si sostengono tra loro e formano una nuova creatura che dovrà affrontare le novità della nuova era, ma lo farà con consapevolezza e con amore per i propri simili, oltre le barriere di genere, di razza e di colore. Non sono invidiosi e si sostengono ove possibile e nei modi più confacenti ad ognuno, senza pretendere dall’altro.... (Franca Oberti)... – Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/02/14/precursori-ritornare-a-vivere-sulla-terra-in-modo-gentile/

Ieri era la festa degli innamorati. Due giorni fa a Treia parlavo con l'amico Lorenzo della precarietà della vita e delle condizioni di varie persone che si adattano a vivere alla meno peggio "indossando una scarpa ed una ciavatta..." (come si dice a Roma). Lo disse anche il poeta: “Oh! Valentino vestito di nuovo, come le brocche dei biancospini! Solo, ai piedini provati dal rovo porti la pelle de’ tuoi piedini; porti le scarpe che mamma ti fece..”. E ieri pensavo allo "scollocamento", ovvero alla necessità di trasformare la crisi in opportunità per un cambiamento sostenibile. Certo agli italiani non è la fantasia che manca... Se non fossimo schiacciati da un sistema vessatorio ed impositivo che impedisce la libera espressione della sopravvivenza creativa. Troppe tasse, troppa burocrazia, troppi cavilli, troppi impedimenti... E, pur vivendo in un paese naturalmente ricco di risorse e avendo una capacità innata di barcamenarsi nella tempesta, ecco che talvolta viene a mancare la forza di resistere. L'astuzia dei burocrati e dei tassatori sembra più forte della naturale ed ingenua furbizia del "contadino, scarpe grosse e cervello fino". In realtà anche il contadino, come Valentino, è rimasto con i piedini provati dal rovo...”

Zugliano. Tutto è uno? - Scrive Marta Dorigo: “Gli esseri umani si pongono da sempre le “grandi domande” della vita – “Da dove vengo?” “Chi sono?”; si tratta di domande universali, e fondamentali. La nostra visione del mondo si basa su  come rispondiamo a queste domande, determinando anche il modo di vedere e trattare noi stessi e gli altri. Il convegno "Tutto è Uno?" si terrà il 4 marzo 2017 a Zugliano...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2017/02/tutto-e-uno-zugliano-4-marzo-2017.html

Rimini. Schiavi senza catene – Scrive Dispaccio Filosofico: “Rimini, il 26 febbraio 2017: Schiavi senza catene. seminario trasformante a cura di Andrea Bizzocchi e Loris Falconi in collaborazione con la Comunità Urbana "Assamil" e l'Associazione "Dispaccio Filosofico" di Rimini. Info. 349.7412325”

Cesena. Pensa con la tua testa – Scrive Durante: “Evitare dolore e cercare piacere sono le due forze che controllano le nostre Vite. In realtà i nostri pensieri (e quindi le azioni che compiamo di conseguenza ai pensieri che pensiamo) sono rivolti maggiormente ad evitare il dolore che a trovare piacere, per il semplice fatto che il dolore e la sofferenza ci fanno paura, ed evitare la paura è il primo istintivo, oserei dire biologico, bisogno che cerchiamo di soddisfare nella nostra Vita...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2017/02/cesena-1-aprile-2017-pensa-con-la-tua.html

Sulmona. Semi – Scrive Rosa: “Torna la FIERA DELLA NEORURALITA' - Scambio Semi 2017. 4 e 5 marzo - Abbazia di Santo Spirito al Morrone (Sulmona – Badia). Il SEME sarà il filo conduttore della manifestazione. Quel seme che genera vita, cultura, movimento. Info. aro19@hotmail.it “

Deregulation alle strette – Scrive Umberto Bianchi: “Le dichiarazioni di Trump sull’inutilità della Nato, sulla Brexit, l’apertura di credito alla Russia di Putin, il mutato atteggiamento verso i paesi islamici e la Cina, debbono rappresentare motivi di accurata analisi e riflessione. I rappresentanti della burocrazia liberal progressista europea e la corrispettiva lobbie nord americana, si sentono mancare il terreno sotto i piedi. Il loro insulso buonismo, accompagnato al credo in una perenne “deregulation”, economica ed esistenziale, ha cominciato a far acqua da tutte le parti. Immigrazione incontrollata, terrorismo, malattie, suicide politiche demografiche, attraverso una prassi di continuo sabotaggio della famiglia, hanno i giorni contati...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/02/14/limpero-di-mezzo-globalizzato-e-la-deregulation-americana-spezzata/

Bologna. La fabbrica della menzogna – Scrive BelzeBo: “Incontro-dibattito sulle strategie della comunicazione tra "false flag" e "fake news", con l'intervento di: Enrica Perucchietti e Marcello Foa. L'appuntamento è per sabato 18 febbraio a Bologna, ore 16:00, Sala prof. Marco Biagi, in Via Santo Stefano 119, presso il complesso del Baraccano. L'ingresso è libero. Info. belzebo@mail.com”

Sathya Sai Baba ancora c'è – Scrive Davide Schinaia: “La realtà che ci circonda è infinitamente più complessa di quanto la nostra piccola scienza quotidiana riesca a spiegare. Esistono molteplici dimensioni, universi, mondi ed esseri al di fuori della materia nella quale siamo incarnati. La nostra vita, il nostro percorso terreno con un corpo di carne, un'identità e una mente, è la fiamma di un attimo che i nostri occhi organici non riescono a cogliere nella sua compiuta complessità...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/02/sri-sathya-sai-baba-ancora-ce.html

Commento di Monica Morace: “Perdonami ma questo personaggio non mi è mai piaciuto, per prima cosa trovo assurdo farsi adorare perché manifestazione del divino, quando tutti lo siamo, poi frequentare questo ashram portava "sfiga", molta gente si è ammalata e "dulcis in fundo" era un omosessuale, fatto confermato da una sua ex discepola conosciuta personalmente e senza ombra di dubbio...”

Mia rispostina: “avevo sentito dire cose simili, l'articolo soprastante non è stato scritto da me ma da un suo devoto, comunque altri che l'hanno conosciuto personalmente me ne hanno parlato molto bene. Io mi tengo senza giudizio... non avendolo mai incontrato: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2008/12/04/satya-sai-baba-ed-osho-rajneesh%E2%80%A6-che-hanno-questi-due-in-comune-divertente-comparazione-su-due-saggi-indiani-mai-incontrati%E2%80%A6-ma-conosciuti/

La campagna contro Amnesty – Scrive Olivier Turquet: “La campagna contro Amnesty (vedi editoriale di ieri) mi pare orchestrata da chi se ne infischia dei diritti umani. I quali vanno difesi sempre e comunque, non solo quando a compiere le violazioni sono i nostri "nemici". Per es. Susanne Nossel, pluricitata come elemento che lega il Dipartimento di Stato ad Amnesty è stra direttrice di AI per un solo anno ormai 4 anni fa; tra l'altro cacciata dagli stessi iscritti che trovavano la sua presenza inopportuna. Inoltre nessuno ricorda mai che le sezioni di AI sono autonome tra di loro, essendo Amnesty una federazione di associazioni indipendenti, unite da un logo e uno standard di azione ma nulla di più...”

Commento di M.S.: “Firmo molte petizioni per la salvaguardia degli animali, degli umani e dell'ambiente e devo dire che è triste constatare che le ONG sono evidentemente vendute all'élite dominante che controlla i media mainstream. Questi "poteri" sovvenzionano tutte le ONG di rilievo in cambio di appoggio sul piano politico.. Queste ONG dovrebbero occuparsi solo di divulgare petizioni ed iniziative che riguardano gli animali, gli umani, oppure l'ambiente. Una petizione di chiaro stampo politico è inammissibile...”

La mafia infinita – Scrive Elio Veltri: “In Italia dalla fine della guerra hanno imperversato le mafie più potenti d'Europa e fra le più presenti nel mondo, arricchendosi, seminando morte, condizionandone le istituzioni, e sembra che sia tutto normale. Si convive con la mafia e se ne rileva la presenza solo quando compie qualche delitto eccellente, sempre più raro, o un capo cosca viene arrestato. Casualità sempre seguita da parole come “sgominata la cosca” che si ripetono meccanicamente...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/02/tutti-i-mali-della-mafia-italiana-di.html

Genova. No alle prigioni marine – Scrive Animal Press: “L’Associazione Animalisti e Animalisti Genovesi organizzano per il 18 febbraio 2017 un corteo per chiedere la chiusura dei delfinari e parchi marini in Italia. Il corteo partirà da Piazza della Vittoria alle ore 15,00 e arriverà in Piazza Caricamento per una protesta con tutte le altre associazioni e gruppi che hanno aderito. Info. animalpress@veganok.com”

Le polveri sottili sono causa di demenza – Scrive A.K.: “Il caso è ancora controverso. E molti studi necessitano ancora di una conferma. Ma alcuni recentissimi report, come racconta la rivista Science, sembrano corroborare l’ipotesi che le PM2,5, le polveri sottili, e soprattutto quella ultra sottili, di diametro inferiore a 0,2 µm, possono attaccare non solo i polmoni e il cuore delle persone particolarmente esposte, ma anche il loro cervello...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/02/polveri-sottili-causa-di-alzheimer-e.html

Ed anche One Billion Rising is over, domani seguirà resoconto... E vai! Ciao, Paolo/Saul

…...................................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Come nelle braccia di una donna amata perdiamo ogni distinzione fra l'esterno e l'interno, così l'essere umano abbracciato dall'assoluto onnisciente è soddisfatto in ogni suo desiderio; solo il desiderio dell'assoluto persiste, ogni altro sparisce, così come sparisce ogni dolore" (Brhadaranyaka Upanishad - IV.3.21)



Nessun commento:

Posta un commento