Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

mercoledì 25 maggio 2016

Il Giornaletto di Saul del 26 maggio 2016 – Caffè amaro per gli statali, Omero non piace a Facebook, Roma: da Rutelli a Giacchetti, golpe globale, il più bravo del cucuzzaro...



Care, cari, è da quando son partito da Treia che non vi parlo del cappuccino bollente a dire il vero ora che sono in vacanza in Emilia il rito della colazione si è fatto più veloce, ho dovuto accelerare i tempi, si vede che l'aria emiliana è più frizzante, qui siamo al nord e non si perde tempo "bisogna laurar..", lavorare e produrre, pagare le tasse e comprarsi la tv ultimo modello o l'ultimo tablet. Altrimenti come si fa ad essere aggiornati sulle notizie del mondo e dell'immondo? Sarà così, oppure gli è che è stata diramata una direttiva regionale, o forse nazionale non so, per cui i dipendenti pubblici non possono andare a prendere il caffè senza prima aver "smarcato", per cui è diventato complicato anche allontanarsi dall'ufficio per soli 5 minuti. Un dirigente sanitario, evidentemente non allineato con la direttiva autoritaria, ha commentato "...e se uno deve andare a cagare, cosa fa? Smarca prima di andare al cesso?". Ma le restrizioni valgono solo per gli impiegati, dirigenti e lavoratori semplici, mentre gli amministratori politici possono continuare a fare i loro porci comodi ed a farsi pagare cene, pranzi e merende di "lavoro"... (vedi i pranzetti luculliani, a base di aragoste, del pistolotto provinciale di Firenze). Beh, ritorno al cappuccino bollente, ieri mattina lo era davvero e così mi son attardato a leggere la prima pagina de La Stampa... - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/05/25/nuove-norme-per-i-lavoratori-del-pubblico-impiego-obbligatorio-smarcare-per-un-caffe-e-per-andare-al-cesso/

Commento/integrazione di B.Z.: "... siccome la (s)vendita delle quote statali di Eni, Enel e Finmeccanica farebbero racimolare solo 12 miliardi di euro, il governo e i tecnici dei ministeri hanno individuato nelle utilities, cioè le società di proprietà di comuni e regioni che gestiscono beni comuni e vitali come acqua, luce e gas, come la vera miniera d’oro da vendere ai privati per fare cassa. Con la riforma del Titolo V della Costituzione in poche parole lo Stato scippa i territori della gestione di questi beni da poter poi vendere. Tutto questo viene fatto da un governo illegittimo formato da persone non elette, grazie a Napolitano..."

Post Scriprum – Quelle sopra espresse non sono notizie frutto di fantasia ma corrispondono ad un preciso disegno governativo.

Facebook. Omero si tenne troppo "lungo" ed ha avuto pochi lettori - La lunghezza massima di lettura in un colpo solo è di 420 caratteri... perciò quando si vuole che il proprio scritto venga letto (su facebook) occorre centellinare le parole, bisogna sintetizzare al massimo. D’altronde questo rispecchia il modo di dialogare con i nostri simili nella società “dell’avanzata tecnologica e virtuale”. E’ pur vero che ci sono le “note aggiunte” in cui ci si può esprimere “at lenght” (senza limiti) ma tanto chi le legge quelle note? Ormai gli “amici” fanno clic clic con il mouse solo sui “mi piace” ed al massimo si azzardano con commenti di poche righe, giusto per dare la sensazione che hanno capito. In verità quando si posta un link con un articolo composito nessuno va a leggerlo, od al massimo commentano il titolo… - Continua:

Napoli. Economia – Scrive Alessandro: "Un'economia responsabile per Napoli Capitale Internazionale. "Come è possibile che si parli di crisi se non c'è nessuna scarsità reale delle risorse produttive?" Incontro con Nino Galloni, con Raffaele Cascone, Anthony M. Quattrone. Martedì 31 Maggio 2016, ore 18,00, alla International School of Naples, Via della Liberazione, 1, Napoli. (Bagnoli). Info. a.galloni@inail.it"

Roma. Economia circolare – Scrive Filippo Mariani: "Fino ad oggi nel mondo ha prevalso la cosiddetta economia lineare: prendo, trasformo, uso e getto. Tutto ciò ha determinato distruzione dell’ambiente naturale, inquinamento, emissione di gas serra in eccesso, sfruttamento sociale, salute. Per sperare di invertire questa rotta verso l’ecocatastrofe generale, anche l’economia deve fare la sua parte. Non basta più il concetto di sviluppo sostenibile, serve ora quello responsabile e .." - Continua con appuntamento a Roma il 28 maggio: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/05/roma-28-maggio-2016-puo-leconomia.html

Bologna. In musica – Scrive Salvatore: "30 Maggio 2016, ore 21.00, "Shots from Othello" Concerto spettacolo di Gruppo Elettrogeno con Paolo Fresu e con Etta Scollo. Auditorium Teatro Manzoni Bologna. Info. info@gruppoelettrogeno.org"

Roma. Come prima peggio di prima – Scrive Fernando Rossi: "Il candidato sindaco del PDirenzi, Roberto Giacchetti, sponsorizzato da Verdini, pur essendo ora un seguace di Renzi non è certo un novello ‘rottamatore’, ma piuttosto un ‘abile navigatore-galleggiatore’ della politica; nasce sotto Pannella, poi passa con i Verdi e poi con Rutelli, di cui era diventato capo di Gabinetto, nella Margherita, approdando in ultima al PD ... diventando prima 'lettiano' poi 'renziano' ..." - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/05/roma-da-rutelli-giacchetti-come-prima.html

Hortus Urbis. Musica nell'orto – Scrive Zappata Romana: "Domenica 29 maggio 2016, alle 11.00, attività primaverili all'aria aperta per grandi e piccini all'Hortus Urbis, nel Parco dell'Appia Antica. Laboratorio musicale per bambini, a cura diA&A Music Leggere le note giocando. Info. hortus.zappataromana@gmail.com"

Guerra permanente e golpe globale – Scrive Manlio Dinucci: "Il mondo intero viene diviso in «aree di responsabilità», ciascuna affidata a uno dei «comandi combattenti unificati» degli Stati uniti: il Comando Nord copre il Nordamerica, il Comando Sud il Sudamerica, il Comando Europeo la regione comprendente Europa e Russia, il Comando Africa il continente africano, il Comando Centrale Medioriente e Asia Centrale, il Comando Pacifico la regione Asia/Pacifico. Ai questi se ne aggiungono.." - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/05/25/geografia-del-potere-guerra-permanente-e-golpe-globale/

Lotta contro il sionismo internazionale – Scrive Pressenza: "Intervista a Anonymus sul BDS - http://www.pressenza.com/it/2016/05/anonymus-le-nostre-proteste-la-persecuzione-al-bds/ - Gravi le minacce esplicite e pubbliche che pesano sulle attività nonviolente di attivisti ed hacker di tutto il mondo, il web è da anni un ring di lotta e quelle che erano le piazze si sono trasformate oggi in tastiere e cellule di gruppi sparsi nell’etere con un unico e semplice obiettivo, il sabotaggio di attività dedite a ledere la libertà dei popoli mondiali. Il movimento del BDS per il boicottaggio, disinvestimento e sanzionamento di prodotti israeliani per la tutela del popolo palestinese con a capo Omar Barghouti per la lotta non violenta,

Le perle di Treia – Scrive Antonella Pedicelli: "Andare a Treia? No problem.. basta offrire un po’ di sana pubblicità, sperando che la voglia di “viaggiare” insita dentro ciascun libero “esploratore” di questo nostro splendido Universo, si lasci catturare amichevolmente dalle nostre parole, rivolte, con immenso piacere, alla speciale città di Treia!.." - Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2016/05/qualche-parola-sulla-citta-di-treia-dal.html

Roma. Pax vegana – Scrive AVA: "1 giugno 2016, ore 17,30, incontro all'AVA di Roma su “Progetto Pace nel Mondo”. Aperto a sociologi, insegnanti, psicologi, antropologi, filosofi, pedagoghi, assistenti sociali, giornalisti, ecc. Info. francolibero.manco@fastwebnet.it"

Il più bravo di tutto il cucuzzaro... - Scrive Stefano Davidson: "Se c'è una cosa che non sopporto è l'elogio alla capacità di "comunicazione" renziana. Credo infatti sia come minimo da decerebrati considerare quale comunicazione un'accozzaglia di menzogne, sparate, ignoranza manifesta e tracotanza. A comunicare così sono stati capaci in tanti, troppi, e non è mai finita bene. Chi esalta le NON doti del neoducetto..." - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/05/mattopoldo-il-piu-bravo-di-tutto-il.html

Commento di Moni Ovadia: "Vi siete vergognati di essere stati comunisti, e siete diventati moderati. Diventati moderati, avete trasformato i lavoratori in "risorse umane", avete fatto il job act e state attaccando la Costituzione nata dalla Resistenza e dalla lotta partigiana. SI FOTTANO I MODERATI!"

Finisce un po' male, che ci volete fare... talvolta succede! Ciao, Paolo/Saul
...........................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"L'incontro con se stessi è una delle esperienze più sgradevoli alle quali si sfugge proiettando tutto ciò che è negativo sul mondo circostante. Chi è in condizione di vedere la propria ombra e di sopportarne la conoscenza ha già assolto una piccola parte del compito." (Carl Gustav Jung)



Nessun commento:

Posta un commento