Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 28 febbraio 2010

Il Giornaletto di Saul del 1 marzo 2010 - Perdersi sul Panaro, domande e risposte, Emilia Costa, Luisa Agosti, Antonella Pedicelli, Angela Braghin...

Care, cari,

inizio con il bel racconto della passeggiata lungo il Panaro di Caterina:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/02/28/1155/

Mi scrive Sara: "A volte Paolo vorrei che qualcuno chiedesse qualcosa, ma che lo chiedesse veramente. Sono le domande che permettono di trovare le risposte,e inevitabilmente mi conducono nella direzione da seguire. Io non possiedo niente ma posso vivere ogni cosa...tutte le risposte.... ma le domande devono essere una necessità. Chissa perchè ti ho scritto sta cosa.."

Mia rispostina: "Lo diceva anche Nisargadatta che solo vere domande ottengono vere risposte..."
Scrive Francesca Spurio: "...Colgo l'occasione per invitarvi a Caprarola Domenica 7 Marzo alle ore 16,00 per il concerto di Ludovico Einaudi a Palazzo Farnese. Ingresso libero (Si consiglia arrivare per tempo)"

Mi scrive Angela Braghin: "Com-passione = patire assieme. La compassione riflette l'anelito del cuore a immedesimarsi e soffrire con l'altro........ Deve essermi sfuggito qualcosa, a qanto pare d'importante; ma del resto la perfezione non fa parte di queto mondo, si sa.. Il tutto sta nel saperlo accettare, e nel riconoscere nelle manchevolezze e nei limiti la bellezza intrinseca che si nasconde dietro le pieghe dell'ombra o della macchia dell'imperfezione. Non ci tengo ad essere la prima della classe, e tanto meno a fare la maestrina. Lascio a te l'onore e l'onere, dato che sono due ruoli in cui noto ti trovi molto a tuo agio. Cattivo = Incapace, non idoneo allo scopo; scadente, di poco valore; scorretto, imperfetto........ Ecco, adesso quello che prima mi era sfuggito mi è finalmente molto più chiaro: non hai pensieri scorretti, imperfetti, scadenti o incapaci, e soprattutto sono perfettamente in linea con lo scopo...(continua)"

Mia rispostina: "..ieri con Laura abbiamo parlato spesso di te a Viterbo, soprattutto pensando alla tua tesi sui diritti umani, ed all'intervento che postresti fare nella tavola rotonda che organizziamo un giorno della Biennale sul tema della "non violenza e dignità umana... (continua)"

Scrive Emilia Costa: "Campidoglio - sala Promoteca - dalle 17.00 alle 20.00 il prossimo 5 Marzo 2010, sul tema della famiglia: "Famiglia, Scuola, Società, Stato", durante il quale sarà anche presentato il libro "La Famiglia che cambia - Educare gli Educatori"

Mi scrive Antonella: "In questi giorni sto leggendo costantemente il Giornaletto..mi piace tantissimo l'idea di inserire le "conversazioni" con le tante persone che "incontri" fuori e dentro la "rete" di questo nostro bellissimo Universo... è un modo per abbracciare veramente la conoscenza dell'altro e per trovare risposte alle nostre personali domande; è come dire: nell'altro ci sono anche io! (un po' come la tua magica poesia su Giano Bifronte!). Cerca comunque di "riguardarti"... non aggiungo altro, perchè tu cogli ogni mia sfumatura e "comunicazione", anche non verbale.. attendo quindi tue news presto! Ti allego una poesia, nata in questi giorni.. mentre spiegavo ai ragazzi l'importanza dello sport, dello sport "autentico", quello nato come possibilità immensa di "uscire" fuori dagli schemi e di raggiungere, attraverso la "passione" le vette più alti e solenni della gioia pura! Si è parlato anche del calcio (ovviamente.. sai come sono i ragazzi) e della "storia calcistica" della Lazio... pur non
essendo "tifosa"..mi sono lasciata andare alla descrizione di un periodo storico importante per l'Italia... vabè.. spero che i laziali (e non solo) gradiscano!"

Mia rispostina: "Mia cara, avevo cercato di indirizzare tutti i miei pensieri "per riguardarmi" un po'... come tu stessa mi hai consigliato. Ed era infatti successo che gli appuntamenti di ieri sembravano saltati, infatti Marzia, come forse hai visto dal Giornaletto, non poteva venire per incombenze elettorali e pure Giorgio aveva impicci con altri appuntamenti, ma sai cos'è successo? Mentre me ne stavo tranquillo al computer a preparare il Giornaletto prima è venuto l'amico Guglielmo che aveva letto del programma su Roma C'é e dopo un po' altri 4 amici di Civitavecchia.. e poi pure altri due.. Così mi è toccato fare la solita parte dello chaperon, per fortuna avevano portato tutti abbondante cibo (che è pure rimasto per me per due o tre giorni)... Insomma malgrado il mal di gola e l'influenza mi sono "riguardato" nello svolgere la mia parte... E iersera c'era pure la commedia! Che possiamo farci, le cose accadono inevitabilmente... e finché siamo in vita ci tocca vivere... Ti abbraccio e ti ringrazio sempre per la tua amicizia.."

Scrive il Tasso Barbasso: " Mercoledì 17 Marzo h 21.00 presso il Salone T. Cosio in P.zza Mazzini a Villafalletto (CN). Proiezione del Film THE AGE OF STUPID (L'era dello stupido)Ingresso libero.
Venerdì 19 Marzo h 21.00 presso il Salone T. Cosio in P.zza Mazzini a Villafalletto (CN) SCIAMANESIMO E NATURA... la consapevolezza di condividere un destino comune con Madre Terra. Incontro con lo Sciamanesimo Siberiano (Con Costanzo Allione).
Domenica 21 Marzo h 9.00 (fino alle h 18.00) presso il Salone T. Cosio in P.zza Mazzini a Villafalletto (CN). GIORNATA DEL RIUSO. Ridiamo vita agli oggetti! Porta quello che non utilizzi più, o vieni a prendere quello che potrebbe servirti. Non un baratto o uno scambio ma un vero e proprio "Bazar del Riciclo" P.S. Possono partecipare alla Giornata del Riuso solo le persone residenti nel Comune di Villafalletto. Info: iltasso.barbasso@gmail.com -"

Mi scrive Luisa Agosti: "Caro Paolo, sono di ritorno recente dalle esplorazioni dei pianeti... incluso il mio. Ho letto i tuoi pensieri sul "valore" delle cose della vita. Oh caro Paolo, ti auguro vivere a lungo abbastanza da scrivere una poesia sulla tua gioia... e ti mando un abbraccio latino-americano, piu' latino che americano..."
Mia rispostina: "La vida es suegno.. diceva Calderon De La barca, ma tu sei viva e vera e sono felice di aver ricevuto tue nuove, prima che il tavolaccio che mi avevi regalato cadesse completamente in pezzi... Siamo ancora sul pianeta Terra, evviva!"

Nel sito del Circolo ho pubblicato una bellissima storia di un falchetto, che da morto/vivo è ritornato:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/02/28/marco-bracci-%e2%80%9cil-ritorno-del-falco%e2%80%a6-che-emozione%e2%80%9d-%e2%80%93-la-comune-appartenenza-uomo-natura-animali/

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" ritorno con una mia analisi sul discorso del destino e del libero arbitrio:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/02/anima-spirito-libero-arbitrio-e-destino.html

Ho chiuso anche stavolta e vi saluto, Paolo/Saul
...........

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

Adoro
Adoro le affinità d'anima
sono preziosa merce nel maestoso mare delle origini
l'isola indaco s'incanta perfino degli inganni
le camere calde nel mio cuore tramutano il caos
e gli orchi dell'ovest non osano più.
(Sirane)

.......

110 ANNI…E L’AQUILA COMINCIO’ A VOLARE

Erano gli anni
in cui
la "fede" diventava
Storia,
in cui gli occhi grandi
delle stelle
si aprivano curiosi
sul cielo di Roma
e la inondavano
dei suoi colori
eterni.
Un poeta
dipinge
parole su
lampi di passione
e scioglie
il laccio del cuore
dai confini
del buio;
vede nascere
il volo
di un desiderio
e lo trasforma
in Amore!
Nacque così
l’aquila bianca
che diresse
il suo volo
su un campo di calcio
in terra battuta,
povero,
come il solco
nudo
che non ha ancora
vestito
il canto
della "vittoria".
E Roma divenne
Amata,
nel simbolo
che fece di lei
nuova "Capitale",
nuova Regina..
senza scarpe
da indossare…
110 anni
accesi da un
angelo
sulle ali del mondo,
il volto sereno
di chi
si disseta
dall’arsura estiva
dopo
aver "giocato"
la sua partita
migliore…
e l’uomo
che scelse la
"parola"
Lazio
tra mille
altre non ancora
nate
e lasciò a noi
l’aquila
bianca
raccontata
per sempre
con lo sguardo
vivo
nel sorriso del
Futuro.

Antonella Pedicelli

Nessun commento:

Posta un commento