Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

lunedì 8 febbraio 2010

Il Giornaletto di Saul del 9 febbraio 2010 - Tac assassina, società come organismo, santi greci, foibe, Corrado Augias, B12, agricoltura contadina...

Care, cari,

comincio con l'invito a non farvi una Tac... Ma come, non è consigliata per accertarsi di non aver contratto un tumore? Secondo la ricercatrice Rebecca Smith-Bindman pare invece che l'at.tac.chi...:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/02/08/tac-assassina-e-la-tac-che-a-tac-ca-i-tumori-nuova-ricerca-medica-dalla-california-accusa-i-raggi-x-della-tac/

Scrive Matteo: "Ahiahiahi.. Capperi Paolo! O___O Quest'anno della Tigre ci porterà tanti petardi, eh...? ...Poi la Tigre di Metallo... Brrrrrr.. rabbrividiamo! Ah, e comunque ho trovato una risposta alla mia domanda di prima: compromessi? No. Nell'anno della Tigre di Metallo, non si fanno compromessi. Ehhh... Sintonizziamoci sulle onde del Nuovo Anno.. u___u"

Scrive Giovanna Canzano: "Martedì 9 febbraio ore 18, presso Palazzo Ferrajoli, Roma. La collana "I libri de il Borghese" presenta: Foibe (S)conosciute di Maria Antonietta Marocchi. Un libro-denuncia sul grande silenzio che ancora oggi avvolge le migliaia di vittime delle Foibe e l’esodo degli oltre 350.000 Italiani dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia. In occasione del Giorno del Ricordo, in memoria delle vittime delle foibe e del genocidio anti-italiani commesso dai partigiani titini e dell’esodo giuliano-dalmata. Info: giovanna.canzano@yahoo.it"

Mi scrive Massimo Ages: "Caro Paolo, permettimi di continuare con Gaber, in quanto credo che sia stato un cantante che abbia affrontato i diversi temi della VITA, oggetti questa del tuo giornalino. Si tratta della canzone dal titolo L’APPARTENENZA (vedi sotto). E’ una delle canzoni di Gaber con cui piu’ mi sento coincidente. Per me infatti non e’ solo importante avere me stesso dentro di me, cioé il Sé, e conoscere il medesimo, in una forma che è quasi di narcisismo, quanto avere anche gli altri"

Scrive Comunità Cristiana: "COMUNITA’ SAN PAOLO REGALA UN PAIO DI OCCHIALI A SILVIO BERLUSCONI CHE NON HA VISTO IL MURO TRA ISRAELE E I TERRITORI PALESTINESI OCCUPATI - claudiogiambelli@libero.it"

Scrive Massimo della Quarantina: "Cari tutti, vi invito a scrivere singolarmente e a fare scrivere a Luca Zaia per sollecitargli una risposta alla nostra richiesta del 15 dicembre scorso. (Riferimento: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/01/20/rete-bioregionale-italiana-campagna-popolare-per-una-legge-che-riconosca-lagricoltura-contadina-e-liberi-il-lavoro-dei-contadini-dalla-burocrazia/ ) Indirizzare le lettere di sollecito a: ministro@politicheagricole.gov.it -"

Mi scrive Sara: "Ciao Paolo! Per la vitamina b12 che è strettamente legata, per la salute in genere, all'acido folico.... si trova in alcuni tipi di alghe, nel temphe... Ti riferivi a questo? Fammi sapere visto la mia alimentazione mi interessa. Come stai?"

Scrive Vittorio Marinelli: "UN LIBRO PER I GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE
I CONSUMATORI BIO, SOBRI, LOCALI, ETICI. Il libro può essere richiesto GRATUITAMENTE alla Fondazione ICU fino ad esaurimento delle copie via mail (info@fondazioneicu.org), ENTRO LUNEDÌ 15 FEBBRAIO 2010, scrivendo i propri dati: nome, cognome, indirizzo e codice di avviamento postale"

Scrive Domenico: "Cari Amici, sto organizzando una festa-cerimonia per 'equinozio di primavera a Collevecchio... il paese in Sabina dove vivo... con musica... spettacoli... circo e una cerimonia finale in onore alla madre terra. Voglio sensibilizzare molto la gente al vegetarianesimo e spingendo il più possibile affinché tutta la giornata sia vegetariana per tutti come sapete non è facile e bisogna sempre lottare con la mente dei carnivori o de malnutriti, però ci sto lavorando... Mi piacerebbe molto inserire nell\'evento uno spettacolo di teatro o un monologo o qualcosa di simile sul tema del vegetarianesimo che informi e divulghi divertendo... meglio ancora se uno spettacolo rivolto ai bambini... Avete qualche gruppo da segnalarmi che lavora in questo senso? Qualcuno che possa proporre uno spettacolino sul vegetarianesimo? Ovviamente abbiamo una scarsità di fondi e finanziamenti e deve anche poter costare poco... Grazie comunque, un abbraccio. Contatti: domeleusyn@hotmail.com - 0765578658 -"

Mia rispostina: "Caro Domenico, sono contento che stiate organizzando questa giornata per l'equinozio... Ma scusa una domanda il circo è con gli animali? Tra l'altro anche noi il 20 marzo siamo in Sabina a Poggio Mirteto per una manifestazione culturale su Giordano Bruno"

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" leggete un commento sui recenti fatti di cronaca per la sinagoga data alle fiamme e sul presunto antisemitismo greco, il potere dell´informazione pilotata talvolta s´inceppa!:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/02/incendio-nella-sinagoga-di-chania-in.html

Ho pubblicato sul sito del Circolo Vegetariano alcune domande sul conflitto d'interessi del papa capo di stato e di religione rivolte a Corrado Augias, intervistatore di don Luigi Verzé:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/02/08/le-storie-lettere-su-don-luigi-verze-indirizzate-a-corrado-augias-senza-risposta/

Vi lascio tranquillamente a voi stessi, vostro Paolo/Saul
.........

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Una società è l'organismo; i suoi membri costituenti sono gli arti che svolgono le sue funzioni. Un membro prospera quando è leale nel servizio alla società come un organo ben coordinato funziona nell'organismo. Mentre sta fedelmente servendo la comunità, in pensieri, parole ed opere, un membro di essa dovrebbe promuoverne la causa presso gli altri membri della comunità, rendendoli coscienti ed inducendoli ad essere fedeli alla società, come forma di progresso per quest'ultima"
(Ramana Maharshi)

........

L'appartenenza

non è lo sforzo di un civile stare insieme
non è il conforto di un normale voler bene
l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé.
L'appartenenza
non è un insieme casuale di persone
non è il consenso a un'apparente aggregazione
l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé.
Uomini
uomini del mio passato
che avete la misura del dovere
e il senso collettivo dell'amore
io non pretendo di sembrarvi amico
mi piace immaginare
la forza di un culto così antico
e questa strada non sarebbe disperata
se in ogni uomo ci fosse un po' della mia vita
ma piano piano il mio destino
é andare sempre più verso me stesso
e non trovar nessuno.
L'appartenenza
non è lo sforzo di un civile stare insieme
non è il conforto di un normale voler bene
l'appartenenza
è avere gli altri dentro di sé.
L'appartenenza
è assai di più della salvezza personale
è la speranza di ogni uomo che sta male
e non gli basta esser civile.
E' quel vigore che si sente se fai parte di qualcosa
che in sé travolge ogni egoismo personale
con quell'aria più vitale che è davvero contagiosa.
Uomini
uomini del mio presente
non mi consola l'abitudine
a questa mia forzata solitudine
io non pretendo il mondo intero
vorrei soltanto un luogo un posto più sincero
dove magari un giorno molto presto
io finalmente possa dire questo è il mio posto
dove rinasca non so come e quando
il senso di uno sforzo collettivo per ritrovare il mondo.
L'appartenenza
non è un insieme casuale di persone
non è il consenso a un'apparente aggregazione
l'appartenenza
è avere gli altri dentro di sé.
L'appartenenza
è un'esigenza che si avverte a poco a poco
si fa più forte alla presenza di un nemico, di un obiettivo o di uno scopo
è quella forza che prepara al grande salto decisivo
che ferma i fiumi, sposta i monti con lo slancio di quei magici momenti
in cui ti senti ancora vivo.
Sarei certo di cambiare la mia vita se potessi cominciare a dire noi.

Giorgio Gaber

Nessun commento:

Posta un commento