Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 4 giugno 2017

Il Giornaletto di Saul del 5 giugno 2017 - Tesla ancora insegna, ecologia del profondo, Trump ed il clima manovrato, penombra universale e creazione, la Torah...


Immagine correlata

Care, cari, scienziati russi hanno riscoperto il nuovo tipo di energia non-elettromagnetica di Tesla che viaggia in onde spiraleggianti e le hanno chiamate onde di torsione. Gli scienziati ora credono che le onde di torsione possano essere viste come onde che trasportano informazione piuttosto che energia. E' stato provato che le onde di torsione sono legate alla coscienza umana e sono create da pensieri ed emozioni. Le onde di torsione sono l'interfaccia tra il mondo mentale e fisico, benché dobbiamo tenere in mente che non c'è dualità tra questi. La fisica dei campi di torsione è la fisica della psicocinesi e della telepatia e ci mostra come l'universo crei un ologramma che sembra l'antico campo di informazione dell'etere meglio conosciuto come campo dell'Akasha.... ( Dan Winter) - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2017/06/04/vortici-elettromagnetici-e-descrizione-dellaura-psichica-dei-corpi/

Tutti ebbri del sistema? - Scrive CARC: "I comunisti devono prendere ovunque iniziative per mobilitare e organizzare le masse popolari, per estendere e rafforzare la loro resistenza e renderla fruttuosa per la creazione delle condizioni necessarie per costituire il Governo di Blocco Popolare e contribuire così alla rinascita del movimento comunista. Con la rinascita del movimento comunista arriveremo a instaurare il socialismo, l’unico sbocco positivo alle masse popolari della crisi generale del capitalismo..."

Ecologia del profondo significa capire che la vita non è separata da noi - La continuità della nostra società, in quanto specie umana, richiede una chiave evolutiva, una visione globale, per mezzo della quale aprire la nostra mente alla consapevolezza di condividere con l’intero pianeta l’esperienza vita. Questa è la visione dell'ecologia del profondo, la scienza dell’inscindibilità della vita... - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/12/bioregionalismo-un-sentiero-senza-mappe.html

La campagna elettorale è una droga – Scrive Roberto Tumbarello: "Nei paesi democratici è una necessità periodica. Importante è il risultato, da cui dipende la formazione del governo. Da noi, invece, conta solo la vigilia, quando la vittoria è di tutti e ci si illude di gestire l’Italia. Come alla roulette. Si gode mentre la pallina gira sul cilindro. Quando esce il numero, vincente o perdente, si pensa già alla puntata successiva. In una corsa all’ippodromo o in un incontro di calcio l’eccitazione maggiore avviene nel momento in cui si scommette e si immagina la vittoria del proprio favorito. Così per noi italiani le elezioni. Vogliamo andare sempre alle urne. Tutti, continuamente. Eppure, a qualcuno converrebbe la scadenza naturale. Per esempio, al cittadino..."

Trump, clima e l’Arcadia degli ipocriti ... - Scrive Fulvio Grimaldi: "Riscaldamento? Tutte balle. Volevo parlare d’altro. Poi questi ti prendono alla sprovvista e impongono le loro priorità. La storia migliore di questi giorni, prima di Londra e Torino, era quella di Trump distruttore del clima, terminator del pianeta. Esecrazioni, scomuniche, imprecazioni, sacrilegio. Tutti, nel solito arco da sinistra a destra, dal “manifesto” a Hillary Clinton (celebrata da Soros), a fare i belli, puri e lindi e a candeggiare più bianco del bianco l’unico nero di pelle e il più nero di tutti nell’anima che sia mai entrato nella Casa Bianca. L’ipocrisia al suo sublime..." - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/06/trump-clima-e-larcadia-degli-ipocriti.html

Commento di Marco Palombo: "Ritengo falsa e fuorviante anch'io la narrazione che " Trump agisce senza alcuna logica se non per "ripicca" ad Obama (piccolo titolo ma in prima pagina ad articolo di Onufrio, direttore di Greenpeace Italia), gli USA hanno tutto da guadagnare dallo sviluppo dell'energia rinnovabile". Invece gli USA dall'economia fossile, soprattutto del petrolio, hanno ricevuto molti vantaggi economici..." - Continua in calce al link soprastante

L' Universo nasce nella penombra - Nella penombra dell’aurora primordiale si dice che il mondo sia stato creato da Brahma. La descrizione di questa creazione è molto semplice. La mitologia cosmologica mistica descrive la nascita di tutti gli esseri attraverso l’opera creativa di Brahma. Il creatore dovendo svolgere il suo compito formulò in se stesso il principio femminile “Sandhia” che significa Aurora, assumendo egli il principio maschile. Una volta che questa sua “figlia” apparve davanti ai suoi occhi egli ne fu così affascinato che s’invaghì della sua stessa creazione. Sandhia cercò di sfuggire alla bramosia di Brahma ed assunse di volta in volta una forma diversa, sempre al femminile, mentre Brahma la rincorse nella forma maschile della stessa specie. E così tutti gli esseri senzienti furono prodotti. Questa allegoria simbolica del “rincorrersi” è ripetuta anche nella teoria del Big Bang, in cui l’unità indistinta primordiale (Tao per i cinesi) si trasforma in grande esplosione creatrice (il desiderio del moltiplicarsi), resa possibile dall’espansione del tempo nello spazio... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2017/06/l-universo-nasce-nella-penombra.html

Aumento del PIL, diminuzione della qualità della vita – Scrive T.R.: "Tutti a gioire ed a complimentarsi per l'aumento del PIL. Bisogna farlo capire, però, ai dipendenti in esubero (Ilva e Alitalia) e a tutti coloro che in tante altre aziende in difficoltà verranno licenziati. È come capita a quei combattenti che hanno la sfortuna di morire qualche minuto prima che terminino le ostilità. Sarebbe più umano non esultare mentre tanta povera gente si dibatte nelle difficoltà. I problemi del paese sembrano legati al bilancio delle famiglie che beneficiano della ricchezza. Invece, si risolvono se a tutti spetta un lavoro perché i figli possano crescere liberi..."

La Torah nella religione ebraica – Scrive Facoltà di Filosofia, Università di Calabria: "La Torah è il testo normativo dell’identità giudaica anche per gli ebrei laici o atei. I libri della Bibbia sono fissati in canoni (misure) diversi fra loro per impostazione ideologica e religiosa, fra quelli più noti c’è quello palestinese. È il frutto di una selezione fatta su libri eterogenei che ha scartato tutti quelli che non rispecchiavano le idee dei rabbini autori dell’elenco biblico. La Bibbia ebraica secondo il..." - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/04/i-semantici-seminatori-semitici-torah-e-tradizione-giudaica/

Due parole sul viaggio di ritorno a Spilamberto?! Siamo partiti la mattina presto verso le 8 dopo l'ultima colazione al baretto, ci ha serviti Delfina, Giovanna ancora dormiva... All'inizio il viaggio è andato abbastanza bene poi a mano a mano che sull'autostrada aumentavano i ritornatori del ponte (8 milioni di macchine) l'autostrada si è fatta un groviglio... siamo usciti ad Imola ed abbiamo proseguito sulla via Emilia dove, malgrado i numerosi semafori, almeno si camminava. Arrivo a casa verso le 14, pranzo veloce con una pastucella ed un sughetto portato già pronto da Treia, una mela, una pera... e d un meritato riposino (soprattutto da Caterina che ha guidato tutto il tempo) e poi sistemazione del giardino, passeggiata serale in Piazza Sassatelli, cenetta frugale ed a nanna... Il Giornaletto di oggi è un po' riciclato...
Ciao, Paolo/Saul
..........................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Senza casa.
Sconfitta dell'uomo
che ha abusato dell'umanità
quasi perso
la condizione umana
decapitato dal suo destino
senza casa
testimonianza
della mancanza
di vita vera
Lo guardo con
silenziose lacrime
sottomessa dall'impotenza
umiliata per non
sapere cosa fare."

(Teresinka Pereira - Traduzione di Giovanna Li Volti Guzzardi)



Nessun commento:

Posta un commento