Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 23 giugno 2017

Il Giornaletto di Saul del 24 giugno 2017 - Collettivo Ecologista 2017, l'ogm umano, crescita evolutiva, sopravvivere in città, compleanno di Gurumayi, cammelli esiliati, sionismo ed ebraismo...


Risultati immagini per collettivo montecorone

Care, cari, oggi 24 giugno inizia l'incontro collettivo ecologista, ci si trova all'inizio di Via Lamari (Montecorone di Zocca) alle ore 16.30, lasciare le macchine in Via Tintoria, per recarci a piedi a casa di Pietro (circa 500 metri), lungo il sentiero raccoglieremo erbe e fiori per preparare l'acqua benedetta. Alle ore 18 primo giro di condivisione e presentazione del libro di Massimo Angelini "Ecologia della Parola", segue picnic vegetariano con il cibo da ognuno portato (per non fare doppioni vi informiamo che noi porteremo farro con ceci). Al termine della vesseille (lavaggio piatti e riordino) cerchio intorno al fuoco e canto di mantra con Giuseppe Finamore alla chitarra. 
La mattina del 25 giugno sessione di yoga con Pietro Rossi, alle ore 10 escursione in collina a Montecorone di Zocca e cerchio di condivisione a casa di Sergio e Silvana. Al ritorno a Ca' Lamari pranzo preparato da Monica (ad offerta libera dignitosa), segue riposino postprandiale o attività ludiche e poetiche nel bosco. Alle ore 18 ultimo giro di condivisione e presentazione del libro "Incantatori di serpenti" di Simon Smeraldo. La giornata termina con una pizzata al forno a legna (prenotazione: 340.2148222 – 059/989639 anche per info logistiche).

A qualcuno piace l'ogm "umano" – Scrive Paola Botta Beltramo: "Sono rimasta sconcertata dal tema generale dell’esame di maturità del 2017 su “progresso e civiltà” tratto da un articolo di Boncinelli, pubblicato dal Corriere della Sera dal titolo “Per migliorarci serve una mutazione”. Il Ministero pubblica però solo una parte dell’articolo ed omette la parte finale nella quale Boncinelli scrive..." - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/23/a-qualcuno-piace-logm-umano/

Il saluto di Fulvio Grimaldi (che si assenta per un po') - Un saluto a tutti. E occhio ai sauditi, ai vaccinatori multipli di Casa Frankenstein, agli smartphone che ti consegnano nudo come un verme, a chi ti fotte e alla stupidità, al torvo papa sorridente e bla-bla-ista, a chi ti assalta alle spalle con le lame della "società civile", dei "diritti umani", dei "nostri valori", a chi distrugge il Sud lontano svuotandolo delle sue forze umane migliori e fa saltare quel che resta del Sud vicino a forza di buonismi sorosiani, Ong, accoglitori universali e "dagli al sovranista", al "populista", all' "identitario". A chi ti scassa la minchia con "è l'Europa che ce lo chiede". Ci sentiamo più in là. E poi ci sarà un docufilm che forse si chiamerà: O LA TROIKA, O LA VITA"

Crescita evolutiva differita – Durante il processo di ritorno alla coscienza unitaria che sospinge ogni singolo essere verso quella pura consapevolezza avvengono vari miracoli e misteriosi cambiamenti. L’adattamento ai nuovi stati di coscienza coinvolge sempre e comunque tutto il corpo massa della specie, ma nella nostra dimensione umana noi siamo abituati al funzionamento a locomotiva, ovvero due passi avanti ed uno indietro, anche definito crescita per tentativi ed errori. Per questa ragione sembra che l’evoluzione manchi di linearità e continuità... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/12/diversita-come-simbolo-di-unita.html

Post Scriptum - Riportiamo l’attenzione a come l’integrazione fra interno ed esterno, fra soggetto ed oggetto, possa trovare una sintesi attraverso l’espletamento della nostra vita quotidiana ed attraverso il riconoscimento della nostra costante “presenza” in ogni evento vissuto. L’io ed il tu sono condizioni mentali che non rappresentano una verità assoluta ma una semplice convenzione funzionale. Eppure attraverso l’attenzione posta sulla paritetica “presenza” siamo in grado di uscire fuori dalla gabbia del dualismo.

Sopravvivenza bioregionale urbana. "Il mio orto sul terrazzo" – Scrive Filippo Mariani: "Una volta andare al mercato ortofruttifero della propria città e comprare qualche ortaggio era una cosa normale, i prodotti della terra costavano poco e si potevano acquistare ogni giorno. Oggi anche la frutta e la verdura sono diventati "oggetti del desiderio" visti i prezzi a cui sono arrivati e poi con il dubbio che gli ortaggi siano nati su terreni inquinati o annaffiati con acque all'arsenico o con altri metalli pesanti. E allora?..." - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2013/12/sopravvivenza-bioregionale-urbana-il.html

Auguri ricevuti via email – Scrive Marinella Gianaroli: "Carissimo Paolo, Auguri di cuore  e grazie per questi anni e quelli futuri dedicati a portare consapevolezza  con discrezione e passione incrollabile,  a instillare quelle basilari domande per iniziare il vero cammino di vita. Grazie davvero per questo grande dono!" - Scrive Ettore: "Caro Paolo, buon compleanno! Io e Gabriel siamo quasi pronti, non vedo l'ora di vedervi e abbracciarvi. Nel mio cuore c'è gratitudine per te, per il viaggio che hai fatto per tornare a casa... e che stai facendo."

Ed auguri anche a Gurumayi – Oggi è il suo compleanno, siamo nati con un solo giorno di differenza, ma in anni diversi, lei il 24 giugno del 1955 ed io il 23 giugno del 1944, ma qualcosa in comune certamente l'abbiamo, ad esempio il Maestro... Qui una mia memoria su di lei: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2015/02/una-memoria-su-gurumayi-chidvilasananda.html

Fondo pensioni ed investimenti produttivi – Scrive Il Mattinale: "Il tema dell’utilizzo delle ingenti risorse finanziarie dei fondi pensione è in discussione dai tempi dell’introduzione della legge che regola la previdenza complementare in Italia (anni novanta). E’ un tema carsico nel dibattito che riemerge in alcuni momenti e poi viene trascurato dalla politica. In questo momento la questione riassume una sua centralità vista l’assenza quasi totale dell’attività di investimento delle imprese e dello Stato. Sono stati questi gli argomenti su cui si è sviluppata la discussione del seminario organizzato dalla Cgil nazionale il 23 giugno nella sede nazionale del sindacato (Corso d’Italia 25 Roma ) sui fondi pensione e gli investimenti nella produzione..."

Siria. Grande è la confusione sotto il cielo – Scrive Fulvio Grimaldi: "Dando prova di incredibile resilienza, a sette anni dall’inizio dell’aggressione l’esercito arabo siriano, a dispetto dei ricorrenti bombardamenti della coalizione Usa, qui come in Iraq ha riconquistato larghe fasce di territorio nel deserto che unisce Siria e Iraq e pare possa riprendersi anche Deir Ezzor, centro strategico assediato dall’Isis dal 2013. Che si possa congetturare uno scambio Raqqa-Deir Ezzor concordato tra Usa e russi? ..." - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/06/siria-grande-e-la-confusione-sotto-il.html

Diatriba tra Arabia Saudita e Qatar. Ci vanno di mezzo i cammelli – Scrive FIADAA: "Migliaia di cammelli di proprietà di cittadini del Qatar sono stati espulsi dai territori dell’Arabia Saudita dove erano tenuti, con il risultato che molti di loro si sono persi, alcuni sono morti e altri sono rimasti feriti. Lo riferisce la televisione panaraba del Qatar Al Jazira. “Non dimenticheremo mai quello che ci hanno fatto”, ha detto, intervistato dall’emittente, Mohammad Merri, dell’Associazione dei proprietari di cammelli del Qatar. Tutto è cambiato dopo che l’Arabia Saudita, insieme con gli Emirati arabi uniti, il Bahrain e l’Egitto, ha interrotto le relazioni con il Qatar e imposto un blocco della sua frontiera terrestre con l’emirato"

Israele. Sionismo ed ebraismo - Vi siete mai chiesti cosa sia l'antisemitismo? Lo so... Sembrerebbe una domanda banale, per molti addirittura stupida; eppure oggigiorno sono in tanti a chiederselo, ebrei compresi. Qualche esempio? Norman G. Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei, professore universitario ed autore di diversi libri tra cui «Beyond Chutzpah: On the Misuse of Anti-Semitism and the Abuse of History». In questo libro Finkelstein denuncia le accuse di antisemitismo proferite da organizzazioni ebraiche contro gli oppositori alla politica dello Stato d'Israele...- Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/06/23/israele-e-la-diversita-tra-sionismo-ed-ebraismo/

Integrazione di Giuseppe Zambon: "È una manifestazione di antisemitismo quella di denunciare l'innegabile potere esercitato da Israele e dalla lobby AIPAC sui governi USA? A me pare sia soltanto una manifestazione di Antisionismo (senza virgolette per favore!). A conclusione posso solo azzardare la tesi che a essere "antisemiti" siano invece tutti coloro che, volendo difendere ad oltranza i crimini di uno stato razzista, prevaricatore e che nega i diritti umani tentano di criminalizzare coloro (ebrei e non ebrei) che si sentono in dovere di elevare una necessaria e liberatoria protesta contro l'ingiustizia...." - Continua in calce al link sopra segnalato

E con ciò vi saluto, ciao, Paolo/Saul

.........................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Non accettate nulla solo perché l’ho detto io. Sperimentate tutto direttamente" (Sri Ramakrishna Paramahansa)


Nessun commento:

Posta un commento