Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 26 gennaio 2010

Il Giornaletto di Saul del 27 gennaio 2010 - Oltre l'Olocausto, scelta non scelta, antiplagio, terremoti, tigre contro tigre

Care, cari,

questo è il giorno in cui si ricorda l'Olocausto, vorrei però che questo giorno fosse un momento di pacificazione degli animi. Non dimentichiamo ed allo stesso tempo andiamo oltre. Vi invito a leggere un articolo che scrissi su questo tema ed una lettera ricevuta:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/07/27/andare-oltre-lolocausto-ma-restando-nella-verita-storica-e-nella-considerazione-umana/

Mi scrive Siràne: "Caro Paolo, questi giorni sono inciampata nella frase di Tiziano Terzani "la libertà comincia quando finiscono le scelte" (che ha imparato da un suo maestro dell'Himalaya) e come a volte accade, questa frase e il suo senso non mi hanno più lasciati.... cosi ho fatto una piccola ricerca in rete e trovo un'articolo sul Corriere della Sera firmato Francesco Bartolini che filosofeggia sulla noia dei milanesi che girano il mondo...mentre chi nasce vive e muore nello stesso posto sarebbe più sereno, magari perfino felice o forse meglio dire "contenti", come preferisce definire Terzani la "felicità".... Tutto ciò mi ha fatto riflettere per analogia sulla tua scelta dei ultimi 30 anni di vivere stabile a Calcara; il tuo ombelico del mondo. E cosi ti auguro quella giornata dove da quel tempo sono svanite le scelte... http://archiviostorico.corriere.it/2005/ottobre/30/Milanesi_caccia_della_felicita_lontana_co_6_051030001.shtml -"
Scrive Vittorio Marinelli: "Ritorna il telefono antiplagio. European Consumers terrà una conferenza stampa a Roma, mercoledì 27 gennaio 2010 alle ore 11 (dopo l'udienza del Santo Padre) nei locali del Centro Russia Ecumenica, via Borgo Pio, 141 - info@russiaecumenica.it -"

Scrive Marco Bracci: "Ciao Paolo, se vuoi mettere un link all'articolo, penso sia interessante per i tuoi lettori. Se è vero quanto affermato, è un'ulteriore dimostrazione che, chi si spaccia per paladino della libertà mondiale, si procura da solo le necessità di inervento, dimostrando ancora una volta il suo disprezzo per la vita, come è successo per le Torri Gemelle, l'embargo all'Iraq, all'Afghanistan, alla Corea del Nord e così via, a causa dei quali sono morte e muoiono migliaia di persone. Con calma e dopo attenta riflessione, ti manderò una risposta a M. Ages sul karma - 019 POLITICA INTERNAZIONALE - Il terremoto di Haiti è stato provocato artificialmente..? LE NEWS DI LIBERI INDUSTRIALI ASSOCIATI - Comedonchisciotte.org - www.lia-online.org. "

Scrive Lorenzo Verdirosi: "Nuovo appuntamento degli Incontri del giovedì. Umberto Coldagelli interverrà sul tema "Tocqueville e la democrazia ieri e oggi" Appuntamento giovedì 28 gennaio p.v., ore 15. Biblioteca Federico Chabod, Dipartimento di storia moderna e contemporanea Uniroma1"

Scrive Sara: "Ho letto l'articolo della carriola rubata.... mi dispiace ma devo confessarti che leggendo me la sono proprio spassata! Sai essere molto divertente anche se, in questo caso, non divertito"

Mia rispostina: "No, no sono sempre divertito... in fondo chi sono io? Il personaggio nel mondo o la coscienza che testimonia?"

Scrive Tommaso Fattori: "Mercoledì 27 gennaio 2010 ore 17.30. Biblioteca delle Oblate (Comunale Centrale)- Via dell´Oriuolo, 26 (V. S.Egidio 21) Firenze. Guido Visconti: "Clima estremo. Un´ introduzione al tempo che ci aspetta" - Stefano Caserini: "A qualcuno piace caldo. Errori e leggende sul clima che cambia". Introducono: UGO BARDI e TOMMASO FATTORI. www.leggerepernondimenticare.it"

Nel sito del Circolo Vegetariano ho pubblicato le previsioni per il nuovo anno della Tigre Metallo che inizia il 14 febbraio 2010, quel giorno faremo una festa qui al Circolo spiegando ad ognuno dei partecipanti quali saranno le implicazioni per loro dell'avvento della Tigre:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/01/26/14-febbraio-2010-%e2%80%93-un-capodanno-cinese-da-paura%e2%80%a6-l%e2%80%99avvento-della-tigre-e-previsioni-per-tutti-e-per-tutto-l%e2%80%99anno-senza-ritegno%e2%80%a6-appuntamento-al-circolo-ve/

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" ho pubblicato una lettera di Doriana Goracci che stigmatizza l'uso della violenza contro la violenza, il testo è particolarmente significativo essendo Doriana un "Tigre":
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/01/doriana-goracci-la-via-dei-combattenti.html

Bene bene vi saluto, Paolo/Saul
......

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Amerò un giorno

Amerò un giorno
ciò
che ora mi sembra
dover disprezzare...
è sarà
la chiave
della mia
libertà

Siràne

Nessun commento:

Posta un commento