Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 19 gennaio 2010

Il Giornaletto di Saul del 20 gennaio 2010 - Se magna.., viaggio nel Sé, Italia Libano in arte, haiku, Destra Sinistra, nucleare strano, Lucifero...

Care, cari,

finalmente se magna... leggete subito le ricette vegetariane macrobiotiche e bioregionali del mese:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/01/19/alimentazione-vegetariana-macrobiotica-e-bioregionale-ricetta-del-mese-miglio-e-radicchio-carciofi-alla-giudia-e-cuoricino-di-san-valentino/

Mi scrive Caterina: "In effetti, se riesco a distaccarmi per un attimo e osservarmi dal di fuori, quasi quasi preferisco stare così che essere già arrivata...... il viaggio è una scoperta quotidiana anche se sembra quasi di essere un po' schizofrenici in quest'alternanza di angoscia e beatitudine, speriamo solo che il cuore tenga. Ma tu non ti spaventi, vero? Ti va di fare un compitino per me? Ricordi l'ultima volta che hai fatto il canto a casa tua? Dopo il solito ne hai fatto un altro e poi me l'hai tradotto...... Ricordo solo che le parole mi erano piaciute molto. Me lo trascrivi?"
In risposta concreta alla richiesta di Caterina vi invito a leggere la traduzione del canto di Shankaracharya:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/01/19/adi-shankaracharya-l%e2%80%99incarnazione-di-shiva-e-le-%e2%80%9ccinque-strofe-sulla-salvezza%e2%80%9d/

Mi scrive Costantino D'Orazio: "Domenica 31 gennaio ore 17.30, Art Café - ArteFiera Bologna. Intervengono: Zena el Khalil, artista, Libano, Marzia Migliora, artista, Italia. Il Quaderno "Speranze e Dubbi", a distanza di un anno, illustra il progetto che si è svolto tra Beirut (Dicembre 2008) e Torino (Gennaio 2009). Sedici artisti, 8 Italiani e 8 Libanesi, hanno creato uno scambio partecipando a due mostre che si sono svolte presso il Dome City Center e la Fondazione Merz. Le mostre saranno raccontate attraverso alcuni video e grazie alla testimonianza di due tra i protagonisti dell'iniziativa. Il libro raccoglie una serie di fotografie realizzate durante l'allestimento delle mostre e una selezione delle immagini scattate a Beirut da Gabriele Basilico prima della ricostruzione. Come tutti i Quaderni della Fondazione, il volume è introdotto da un testo inedito di Mario Merz. Gli artisti italiani del progetto: Elisabetta Benassi, Elisabetta Di Maggio, Michael Fliri, Francesco Gennari, Marzia Migliora, Giuseppe Pietroniro, Luisa Rabbia, Andrea Salvino. Gli artisti libanesi del progetto: Ginou Choueiri, Pascal Hachem, Lina Hakim, Joanne Issa, Zena el Khalil, Randa Mirza, Marwan Rechmaoui, Rima Saab. Info: Costantino D'Orazio, tel 06.5746690 - cel 329.0538483 -"

Scrive Franca: "Venerdì 22 gennaio 2010, h 16.00 – 19.30 - IL CAMBIAMENTO DELLA SOCIETA’ E DELL’ECONOMIA - Residenza Universitaria "A. RUBERTI" – Via Cesare de Lollis, 20 – 00195 Roma. Presenta e modera Raffaella Rosa, giornalista. Dott. Massimo Marinelli, "Verso il nuovo paradigma". Dott. Pierluigi Paoletti, "Il cambiamento della società e dell’economica". Prof. Benito Castorina, "Il cambiamento dell’economia per cambiare la società". Ingresso offerta libera. Luisa: 333.8525923 – 347.9494091 -"

Scrive Antonello Ricci: "Sabato 23 gennaio 2010, ore 18.00 presso Ass. Culturale Art up in via delle Piagge, 23 - Viterbo. Presentazione del volume "Allora ero giovane pure io" di Alfio Pannega. Mostra fotografica a cura di Valentino Costa - foto di Massimo Vollaro, Carlo Mascioli, Valentino Costa, Francesco Galli e Mario Onofri. Letture dal libro a cura di Alfonso Prota, Antonello Ricci, Sara Grimaldi e Olindo Cicchetti"

Ci informa Sergio De Prophetis: "CASCINA MACONDO. Centro per la Promozione della Lettura Creativa ad Alta Voce e POETICA HAIKU. Borgata Madonna della Rovere, 4 - 10020 Riva Presso Chieri - Torino. BANDISCE CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA HAIKU IN LINGUA ITALIANA - Tel. 011-9468397 - cell. 328.262517 - info@cascinamacondo.com - Partecipazione: GRATUITA"

Mi scrive Angelina: "Ahhahah! Quando fai così poi...."Il karma è il karma" e da un momento all'altro potresti lasciare "quel/questo" palco? Io non lo so se fai il possibile, questo di sicuro non per quello che mi riguarda... E non credo sia possibile "che la traccia continui" e sai anche i motivi di questo.. (!) Non sono sarcastica, sono solo consapevole che molto probabilmente non ti vedrò più, tutto qui.... E anche questo va preso a sangue freddo (ma non è affatto divertente!)"

Mia rispostina: "... solo perché non sai recitare (il che equivale a dire che non accetti la "sconfitta")... L'avanzata la ritirata... tutti movimenti nella manifestazione dell'essere altrettanto utili che l'addormentarsi, il sognare, il risvegliarsi... il riaddormentarsi, il sognare, il risvegliarsi... Il karma è karma me lo diceva sempre Chitrareka, la mia amica scultrice, ogni qualvolta c'era qualcosa che non le andava giù e doveva per forza mandarla giù... visto che non aveva scelte... Ma che possiamo farci? Non penserai mica che dipenda da me ... o da te... e che siamo il padreterno? La mentalità luciferina è quanto di più idiota sia apparso nella cultura umana. Lucifero = portatore di luce, ovvero "specchio", cioè la mente... insomma riflesso indiretto della Coscienza"

Siamo tornati al tema del "nucleare", sul sito del Circolo Vegetariano leggete le motivazioni del nostro rifiuto:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/01/19/nucleare-in-italia-dove-come-quando-perche-i-motivi-del-nostro-no-al-ritorno-delle-centrali-atomiche/

E ricara la dose Giorgio Nebbia: "Caro Paolo, non so se possono interessare queste brevi note sul primo atto della commedia nucleare http://www.ilmondodellecose.it/dettaglio.asp?articolo_id=3070
E' appena cominciata la scena prima dell'atto secondo. Cari saluti"

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" ho inserito l'opinione di Doriana Goracci sulla situazione para-disiaca che stiamo vivendo in questo momento in Italia, leggere per credere...:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/01/doriana-goracci-scrive-dalla-periferia.html

Avete visto che il Giornaletto è finito pure oggi? E vi saluto, Saul/Paolo
.......

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

Destra Sinistra

Fare il bagno nella vasca è di destra
far la doccia invece è di sinistra
un pacchetto di Marlboro è di destra
di contrabbando è di sinistra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Una bella minestrina è di destra
il minestrone è sempre di sinistra
tutti i films che fanno oggi son di destra
se annoiano son di sinistra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Le scarpette da ginnastica o da tennis
hanno ancora un gusto un po? di destra
ma portarle tutte sporche e un po? slacciate
è da scemi più che di sinistra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
I blue-jeans che sono un segno di sinistra
con la giacca vanno verso destra
il concerto nello stadio è di sinistra
i prezzi sono un po' di destra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
I collant son quasi sempre di sinistra
il reggicalze è più che mai di destra
la pisciata in compagnia è di sinistra
il cesso è sempre in fondo a destra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
La piscina bella azzurra e trasparente
è evidente che sia un po' di destra
mentre i fiumi, tutti i laghi e anche il mare
sono di merda più che sinistra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
L'ideologia, l'ideologia
malgrado tutto credo ancora che ci sia
è la passione, l'ossessione
della tua diversità
che al momento dove è andata non si sa
dove non si sa, dove non si sa.
Io direi che il culatello è di destra
la mortadella è di sinistra
se la cioccolata svizzera è di destra
la Nutella è ancora di sinistra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Il pensiero liberale è di destra
ora è buono anche per la sinistra
non si sa se la fortuna sia di destra
la sfiga è sempre di sinistra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Il saluto vigoroso a pugno chiuso
è un antico gesto di sinistra
quello un po' degli anni '20, un po' romano
è da stronzi oltre che di destra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
L'ideologia, l'ideologia
malgrado tutto credo ancora che ci sia
è il continuare ad affermare
un pensiero e il suo perché
con la scusa di un contrasto che non c'è
se c'è chissà dov'è, se c'é chissà dov'é.
Tutto il vecchio moralismo è di sinistra
la mancanza di morale è a destra
anche il Papa ultimamente
è un po' a sinistra
è il demonio che ora è andato a destra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
La risposta delle masse è di sinistra
con un lieve cedimento a destra
son sicuro che il bastardo è di sinistra
il figlio di puttana è di destra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Una donna emancipata è di sinistra
riservata è già un po' più di destra
ma un figone resta sempre un'attrazione
che va bene per sinistra e destra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Tutti noi ce la prendiamo con la storia
ma io dico che la colpa è nostra
è evidente che la gente è poco seria
quando parla di sinistra o destra.
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Ma cos'è la destra cos'è la sinistra...
Destra-sinistra
Destra-sinistra
Destra-sinistra
Destra-sinistra
Destra-sinistra
Basta!

Giorgio Gaber

(Grazie... ci voleva proprio... infatti 'sto destra sinistra è solo un meccanismo per fregare il popolo...)

Nessun commento:

Posta un commento