Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

venerdì 15 gennaio 2010

Il Giornaletto di Saul del 15 gennaio 2010 - Autoconoscenza, abbandonare Calcata, cane smarrito, amico ritrovato, armageddon, carceri e carcerieri...

Care, cari,

inizio con una canzone... sì una canzone d'amore dedicata al Saggio Ramana Maharshi da un suo anonimo devoto... un esempio di approccio devozionale verso l'Autoconoscenza:
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/01/14/%e2%80%9cramana-maharshi-ed-il-devoto-anonimo%e2%80%9d-%e2%80%93-un-approccio-devozionale-nella-conoscenza-di-se-ed-un-canto-dedicato-a-ramana-sadguru/

Mi scrive Luca Bellincioni: "Caro Paolo ho sentito che vuoi abbandonare Calcata e la Tuscia!?!? Ma come??!?! Senza di te Calcata cosa sarebbe più!!?!? Comunque se proprio l’atmosfera calcatese ti è divenuta insopportabile, forse per quanto si è svenduta al turismo spicciolo, potresti non abbandonare la Tuscia: io "a pelle" ti consiglierei Civita di Bagnoregio, un luogo meraviglioso dove il turismo viene promosso in maniera più seria e meno ipocrita… Il problema lì è che i prezzi delle case sono impossibili o quasi, ma anche a Calcata ormai non si scherza… Oppure le stupende Bomarzo e Civitella d’Agliano, sempre nella Valle del Tevere e ben più accessibili come prezzi… Vedi un po’ tu, Treia è un posto bellissimo, ma l’Etruria senza di te non me la riesco ad immaginare… Se invece ti vuoi allontanare solo di poco, ci sono molti paesi della "santa" Sabina ricchi di arte e cultura ma ancora incontaminati dalle chincaglierie, in cui sono sicuro saresti accolto benissimo… prova a chiedere di Casperia http://www.casperia.com/, un piccolo paradiso di tranquillità nel verde di una campagna bucolica."

Scrive Gianni Donaudi: "Il compleanno di Trinidad viene festeggiato a cavallo della seconda domenica dell’anno, dato che la prima fondazione itinerante della città avvenne il 15 gennaio 1514. E quindi, ogni anno, durante questo compleanno, viene organizzata la "Settimana Culturale Trinitaria" con una infinità di attraenti iniziative culturali, turistiche, ecc."

Mi scrive Riccardo da Montegelato: "Carissimi/e! da poco più di un anno abito dalle parti di Montegelato/Mazzano e da molto più tempo leggo di voi su questa lista, spero prima o poi di venirvi a trovare in occasione di qualcuna delle vostre belle iniziative... Approfitto della vostra casella e conoscendo il vostro amore e il rispetto per gli animali mi permetto di inviarvi questo appello di una signora che aveva lasciato "a pensione" il suo beniamino ad una incauta residente da queste parti, che glielo ha perso... Era presso la località "le Calcare" , il colletto dietro le cascate di Montegelato. E' possibile che CIRO sia arrivato in poco tempo dalle parti di Calcata, ed essendo un cane socievole e mite, potrebbe essersi fatto adottare con facilità, nel caso lo vedeste chiamate subito i numeri riportati nel volantino. Ha MICROCHIP e MEDAGLIETTA ma quest'ultima potrebba averla persa... Spinone pelo bianco lungo, taglia medio piccola, naso rosa. Se l’avete visto per favore chiamare:
339.3212122 / 347.3517721 / 06-8840561"

Mi scrive H.A.: "Ciao Paolo, finalmente la mano si è "sciolta" e il cuore mi sta guidando verso quello che è il messaggio di questo mio scritto! Ho atteso pima di riprendere i contatti, non so neanche io perchè, ma oggi ho di nuovo sentito forte la voglia di scriverti....chissà, cosa o chi guida la mia mano... fatto sta che sono lieta di essere qui, vicina a te stasera! Le tue parole mi hanno profondamente emozionata.. mi riferisco a quel meraviglioso messaggio che scrivesti sul Giornaletto di ritorno da Treia. Parlavi di te come di un Otello redento che finalmente si "perdona" ed esce "fuori" dal suo guscio di silenzio e solitudine. Oggi ha di nuovo citato Treia con un dolce canto nel cuore.. bene.. seguendo quanto tu stesso celi dentro di te.. ti dico che "puoi andare", che il momento è giunto... quella luce che hai tante e tante volte acceso nell'anima di giovani, vecchi e bambini, oggi torna a te vestita dei colori che più ami! Scegli ciò che è giusto per te e vai.... guardati pure indietro, ma non fermare il passo che ora ti sta guidando. La voce del silenzio è in ogni luogo e Calcata ama il figlio che in te si svela.. questo è quanto.. almeno per il momento! Spero di vederti prima o poi... Intanto ti abbraccio con affetto sincero!"

Mia rispostina: "Il tuo incoraggiamento mi commuove, sorellina... Grazie! Stavo proprio pensando di scriverti ieri sera.. e poi.. stamattina ho visto che l'intuizione era giusta infatti ho trovato questa tua lettera. Molto adatta l'immagine dell'Otello che si perdona, sei proprio una poetessa romantica ed acuta, la mia amicizia per te è accresciuta e sento che nulla potrà scuoterla.. anche se non ci scriviamo più così sovente come in passato. Ora abbiamo interiorizzato. Ti abbraccio con infinito affetto e devozione"

Mi scrive Marco Bracci: "Ciao Paolo, apprezzo molto la tua disponibilità ad ospitare commenti/articoli provenienti dalle parti più diverse. Per questo mi permetto di inviarti un commento all'annuncio del partito Democrazia Atea. Condivido con loro la necessità di "...emancipare l'Italia...", ma allo stesso tempo mi domando: Nel loro simbolo compare il pentacolo (notoriamente satanico), come compare nel simbolo della Repubblica Italiana, nella bandiera degli USA (ben 50 ce ne sono), in quella cinese, in quella russa e in moltissime altre, nei simboli degli eserciti (le stellette dei gradi) ed è adottato da tutte quelle istituzioni che sbandierano la religione ma che sono tutt'altro che fedeli a quanto la coscienza imporrebbe. Stati e istituzioni che spesso si oppongono gli uni agli altri, ma che in fondo hanno tutti lo stesso scopo, asservire l'Umanità a Satana (quello stesso che offrì a Gesù il comando su tutti gli Stati della terra se lo avesse adorato). Allora, mi viene spontaneo pensare "se, per combattere un sistema, si parte dalle sue stesse basi di partenza, non credo che si possano ottenere grandi risultati dal punto di vista dell'emancipazione dell'Umanità." E non si dica "E' solo un simbolo!" perché i simboli, come dice il nome, sono l'essenza dell'idea a cui si riferiscono. Cordiali saluti"

Mia rispostina: "Condivido e pubblico... anzi dirò di più se vuoi scrivi un articolo di approfondimento sul tema
Politica e Religione... considerando che anche l'ateismo è una forma di religione... A questo proposito ti invito a leggere i miei primi scritti sulla spiritualità laica... che sono pure apparsi, oltre che nel nostro sito, anche nel sito di Resistenza Laica, notoriamente ateo agnostico.... Aspetto quindi tue nuove..."
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2009/01/22/approfondimento-sulla-spiritualita-naturale-o-laica-categorie-di-pensiero-e-categorie-di-esperienza/

Replica ulteriore di Marco Bracci: "Detto fatto.... l'avevo già scritto, ma mai pubblicato. A te l'onore della "prima", ma attento perché è molto "pesante"...."
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2010/01/14/marco-bracci-%e2%80%9cepopea-dell%e2%80%99eterna-lotta-fra-abele-e-caino-fra-luce-e-tenebra-fra-bene-e-male-fra-dio-e-demonio%e2%80%a6%e2%80%9d-insomma-siamo-in-piena-tregenda-immersi-tra/

Nel blog "Altra Calcata... altro mondo" ho pubblicato un'analisi logica di Gianfranco Paris sulla situazione carceraria in Italia:
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2010/01/pensieri-birichini-di-gianfranco-paris_15.html

Bene, per oggi siamo a posto, credo... Cari Saluti a tutti, vostro Paolo/Saul
............

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

"Abbiamo bevuto alla Memoria del Beneamato
un vino che ci ha inebriati,
prima della creazione della vigna"

Umar Ben Al Faridh

......
"Andavano al buio, nella deserta notte, attraverso le ombre,
attraverso le vuote case di Dite e i regni muti,
e il cammino era incerto nel bosco sotto pallida luna,
quando Giove il cielo raccoglie in un nero velo
e la notte tetra al mondo cancella il colore"

Eneide, Libro Sesto

Nessun commento:

Posta un commento