Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 10 aprile 2016

Il Giornaletto di Saul del 11 aprile 2016 – Produzione energetica in autostrada, scienza e magia, libri in circolazione, la Forza dei Tarocchi, lasciate che i pesci nuotino liberi



Care, cari, mentre noi discutiamo se trivellare o meno a pochi metri dalle coste, in Olanda‬ iniziano a produrre energia realizzando barriere anti-rumore fotovoltaiche‬ su‪ ‎autostrade‬ e ‎ferrovie‬. Secondo le prime stime, 1 km di queste barriere è in grado di generare energia sufficiente a coprire il fabbisogno di elettricità di 50 famiglie.... (…) - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/04/10/la-migliore-produzione-energetica-e-quella-non-prodotta-memorandum-per-il-17-aprile-2016/

Commento di Olivier: “Su questi esempi pratici bisogna approfondire e divulgare. L'altro giorno avrai visto che ho ripreso una cosetta che avevi pubblicato sul Giornaletto e da Hong Kong mi hanno mandato un articolo su quella faccenda di produrre acqua dall'aria... anche nel deserto....”

Commento di Paolo Ugolini: “...la soluzione è divulgare ciò che la nostra conoscenza mette a frutto verso la gente... che non è così stupida come vogliono far credere certi personaggi di presunta autorità. Continuare a proporre con seminari e fiere per sensibilizzare sempre di più la popolazione e soprattutto quei progettisti che hanno voglia di proporre a costi contenuti le soluzioni. Assieme si può fare a mio parere..”

Scienza e magia – Scrive G.P.: “…la scienza, che per definizione non può essere dogmatica, rischia di diventarlo quando nega il carattere fuzzy sfumato e controverso di molte delle sue conclusioni. Nuove malattie create dalla diagnostica medica, prolungamento artificiale della vita e della morte, potenzialità delle staminali embrionali o adulte, cambiamento climatico, sostanze cancerogene, ogm: su questi e altri temi si fronteggiano modelli interpretativi e temi di pensiero rivali, e i dogmi servono solo a mascherare l’incertezza...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/04/la-teoria-del-dr-hamer-e-la-magia-come.html

Commento di A.F.: “Non si deve confondere la magia bianca (che in genere è usata per "curare ") con quella nera (il cui utilizzo, in generale, è legato al dominio, alla sopraffazione, alla morte degli "ostacoli" cioè gli oppositori ai disegni opportunisti)”

Treia. Libri in circolazione - Leggere un libro significa penetrare nell’anima di chi l’ha scritto e questa è vera condivisione. Nell'attesa che il Comune decida di aprire una Biblioteca Comunale, ricordo ai treiesi che dal 2014 è in funzione una piccolo angolo di lettura e scambio libri. Trattasi in verità di un piccolo scaffale in cui sono raccolti libri che possono essere letti ai tavoli, oppure portati a casa, oppure scambiati con altri libri, etc. senza alcun costo né formalità. Questa piccola “libera biblioteca” ha il nome significativo di “Libri in Circolazione” e si trova in un...” - Continua:

Stratificazione della società – Scrive Giorgio Vitali a commento dell'articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/04/06/stratificazione-della-societa-funzionale-al-potere-bancario-mentre-la-bce-inizia-la-monetizzazione-del-debito-pubblico/ -: “Hai sottolineato il punto essenziale… la dabbenaggine, la vigliaccheria, l’assuefazione, il menefreghismo indolente, la distrazione. Se non ci fossero questi elementi l’umanità sarebbe altra cosa. Sto pensando a cosa si potrebbe fare una volta avuto un minimo di potere: NAZIONALIZZARE la banca centrale. Se ne avvantaggerebbero tutti..” - Continua in calce al link segnalato

Sulmona- Lavorare al telaio – Scrive Stefano Coco: “Corso di tessitura nella sede del Parco della Maiella, in via Badia di Sulmona, dal 16 aprile 2016, con 5 incontri di una intera giornata, a cadenza settimanale....” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/04/sulmona-imparare-tessere-con-il-telaio.html

Al Circolo vegetariano VV.TT. se magna? - Scrive J.B. a commento dell'articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/04/09/soccombere-al-degrado-sociale-o-preparasi-ad-affrontarlo/ -: “Ho visto l'articolo pubblicato sul sito del circolo vegetariano di Calcata, ma lì avete pure un ristorantino dove ..se magnaaa?”

Mia rispostina: “forse ti riferisci alla vecchia sede del circolo vegetariano, quando era ubicato a Calcata, da 6 anni il circolo si è trasferito a Treia e ci limitiamo a fare delle feste o degli incontri durante i quali gli intervenuti sono invitati a portare dei cibi vegetariani da condividere. Il prossimo incontro è questo: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/03/31/treia-dal-23-al-25-aprile-2016-forum-del-lavoro-bioregionale-e-festa-dei-precursori-presentazione/

ONG. Infide e bugiarde – Scrive Massimo Maria Corbino a commento dell'articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2016/04/ong-infide-e-bugiarde-e-petizioni.html -: “E anche se fossimo abili programmatori o hacker e ci volessimo nascondere nel deep web dotati di browser tor, di tutto l'armamentario possibile, anche di bitcoins, all'occorrenza, al minimo errore, potremmo essere identificati e vederci svuotato anche il conto in banca, nella migliore delle ipotesi. A tale riguardo vorrei ricordare la frase chiave dell'ultimo libro di Julian Assange, intitolato: "Internet è il nemico - conversazione con Jacob Appelbaum, Andy Mueller e Jérémie Zimmermann". La frase è la seguente: "tanti autori si sono interrogati su quello che significa internet per la civiltà globale, ma si sbagliano. Si sbagliano perché non hanno la giusta prospettiva frutto dell'esperienza diretta. Si sbagliano perché non hanno mai conosciuto il nemico. Nessuna descrizione al mondo sopravvive al primo contatto col nemico. Noi abbiamo conosciuto il nemico."

Tarocchi. La forza de “ La Forza” - Scrive Simon Smeraldo: “L'arcano La Forza è avvolto nel mantello, che denota una classe superiore, dunque come un salto di qualità rispetto al Bagatto per quanto riguarda le sue capacità di agire "magicamente" (cioè con un potere superiore) sulla materia. Nell'antichità il mantello era anche simbolico del potere spirituale. Infine il fatto che la figura è femminile ben concorda con la rappresentazione della "potenza" dell'anima, che è, come abbiamo visto,  la "shakti" dell'induismo, la potenza che da progettuale (Bagatto) diventa operativa...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2016/04/tarocchi-la-forza-de-la-forza.html

Commento di Luciano De Bei: “A mio modesto parere, anche i Tarocchi, come l'I-Ching o Libro dei Mutamenti, sono forme esoteriche che oggi si è perduta la vera chiave d'interpretazione [anche se oggi vi sono molti "esperti" che si dicono in grado di esporli]. Di tutto questo, una cosa è certa: seguendo questi filoni si cade nelle mani di persone senza scrupoli che giocheranno con la vostra vita. E' meglio stare alla larga da queste trappole. Ripeto, un tempo erano delle scienze occulte molto serie, come l'astrologia, caduta anch'essa nel pozzo oscuro dell'ignoranza, per cui invece di trovare la vera conoscenza si troverà una più profonda schiavitù...”

Mia rispostina: “Certo, caro Luciano De Bei, purtroppo i ciarlatani che aprono bancarelle esoteriche sono tanti... ma i cattivi maestri ci stanno apposta per consentire ai veri ricercatori di poter riconoscere i genuini maestri. La conoscenza empirica, e qui ci metto anche tutte le scienze divinatorie, è comunque utile ad elevare l'interesse della mente, innalzando il livello della ricerca. In tal senso ho apprezzato molto il simbolismo del bellissimo film "La montagna sacra" di Jodorowsky...”

Roma. Lasciate che i pesci nuotino liberi... - Scrive LAV: “La mattina del 9 aprile 2016 attivisti animalisti hanno data vita a un flash-mob acquatico al laghetto dell’EUR per dire no alla realizzazione di un grande acquario proprio sotto la superficie del laghetto. A bordo di sei pattini affiancati, dopo aver guadagnato il centro del laghetto, gli attivisti hanno srotolato un lungo striscione con la scritta “Anche gli animali hanno un cuore - no all’acquario di Roma”, mentre altri di loro scandivano dalla riva lo slogan “Pesci liberi”..." - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/04/roma-no-allacquario-prigione-lasciate.html

E lasciate che anche gli animali e gli umani e gli alberi, insomma tutti gli esseri viventi, possano vivere liberi e felici... Ciao, Paolo/Saul

…........................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

"Così il buono si allea, naturaliter, al bello e al vero, come il cattivo s'accompagna al brutto e al falso." (Luigi Flespapiès)


Post scriptum di Caterina: “Ieri dopo pranzo sono stata a casa di Pietro, a Ca' Lamari di Montecorone, per decidere alcuni programmi da svolgervi durante la prossima primavera/estate. E vi volevo aggiornare sull'evoluzione del pomeriggio. Siamo scesi e dopo aver assaggiato le torte che c'erano ci siamo messi fuori, di sotto, in cerchio e abbiamo preso alcune decisioni: calendario in mano abbiamo accolto la proposta di Monica delle due "Giornate etiche" fissando come date il 18 e 19 giugno che cadono anche in prossimità del solstizio. Alcuni hanno già delle proposte su cose da condividere. Jalsha e Roberta potrebbero fare una sessione di yoga e così pure Pietro, il secondo giorno. Io e Paolo qualcosa faremo, a me sinceramente era venuta voglia di parlare dell'allevamento intensivo e dell'alimentazione naturale dell'uomo...



Nessun commento:

Posta un commento