Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 22 marzo 2014

Il Giornaletto di Saul del 23 marzo 2014 – Via Rasella, danza di Primavera, Sion-usa contro Eurasia, ecologia ed economia, Francesco solo di nome, la buddhità è per tutti



Care, cari,

Commemorazione - Scrive Vincenzo Mannello: “Il 23 marzo 1944.... con una bomba piazzata dentro un carretto della spazzatura, Bentivegna e compagni, mimetizzati nell'uniforme di spazzini, "spazzavano" da via Rasella in Roma 32 territoriali atesini del battaglione Bozen. Spedendoli in un attimo al Creatore, assieme ad un bambino innocente ed un innocuo passante. I defunti ed i feriti, per la storiografia repubblicana ed i tribunali, non furono mai considerati che vittime sacrificali da offrire alla dea "resistenza". Così si tacque, per legge, su chi fossero, da dove venissero, se avessero avuto una vita precedente ed una famiglia. Essendo via Rasella la causa si condannò e celebrò soltanto l'effetto... le Fosse Ardeatine.

Primavera vien danzando – Scrive Teodoro Margarita: “A chi avvista la prima rondine, sia data una pagliuzza d'oro! Alle anime sensibili, a chi lascia camminare le api sul dorso della mano. A chi capisce il linguaggio delle nuvole, a chi sa sondare la profondità dei cuori. A me stesso, che l'acqua della fonte, lasciata dischiusa dalle Muse, giammai si inaridisca. A voi, nella stagione che viene, questa canzone...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/03/22/la-canzone-di-primavera-di-teodoro-margarita/

Renzie e lo spread - Scrive Loris Palmerini: "...la stima di Renzi sul risparmio di 3 miliardi di Euro dalla riduzione dello Spread è campata in aria, sopratutto con le tensioni in Crimea. Infatti lo Spread si è già alzato da 170 a 186. In pratica se il rialzo andrà così anche per soli 10 giorni, il governo dovrà fare una manovra al contrario, altro che risparmi. Mi pare evidente che Renzi va all'avventura senza rete di caduta."

Parola di Shultz – Scrive AGI: “Renzi fa impressione perché è fermo e chiaro, lotta per il suo Paese come hanno fatto prima Monti e Letta. Il rilancio dell’economia in Europa dipende anche dal rilancio dell’Italia e viceversa”. Quanto alle Europee, l’esponente socialista sottolinea che “il 25 maggio non c’è un referendum sull’Ue, ma dobbiamo dire quale Ue vogliamo: i partiti populisti non hanno alcuna proposta”

Mio commentino: “Se lo dice Shultz c'è da preoccuparsi...”

Joe Biden si prepara alla guerra – Scrive Manlio Dinucci: “ Visita lampo del vicepresidente Usa Joe Biden in Polonia ed Estonia, per assicurare che, di fronte alla «sfrontata incursione militare russa» in Ucraina – paese deciso a costruire «un governo al servizio del popolo» (garantito dai neonazisti andati al potere con il golpe della nuova Gladio) – gli Stati uniti ribadiscono il loro incrollabile impegno ad attenersi all’art. 5 del Trattato nord-atlantico per la «difesa collettiva». Poiché l’Ucraina è oggi di fatto ma non ufficialmente membro della Nato, c’è sempre il «non-articolo 5», che impegna i paesi membri a «condurre operazioni di risposta alle crisi non previste dall’art. 5». Varato con il contributo del governo Dalema durante la guerra Nato contro la Iugoslavia nel 1999, e applicato anche alle guerre in...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/03/22/usa-pronti-alla-guerra-europea-joe-baiden-in-polonia-ed-estonia-il-sistema-antimissile-e-contro-mosca/

Commento di Italo Calvino: "L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio."

Sion-usa contro Eurasia - Non c'è bisogno della zingara per indovinare i giochi geopolitici in corso. Da una parte il NWO, facente capo a sion/usa, spinge per il totale controllo del pianeta. Mancherebbe poco, solo qualche isoletta indipendente, come la Siria e L'Iran, ma i "badroni" hanno fatto i conti senza l'oste. Pensavano di aver già messo in scacco Cina e Russia attirandoli nel grande meccanismo economico finanziario del PIL e dello mercato globale.. ma da quelle parti dell'Est estremo orientale non si è mai radicata la malerba finanziaria dei Rothschild e dei sionisti in generale. La Russia malgrado il cinquantennio comunista ha mantenuto un'anima ortodossa e lo sbrago causato dal bevitore Eltsin e dagli "oligarchi", che hanno cercato di vendere la Madre Russia per un pugno di dollari, è stato fermato in tempo....- Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2014/03/radicalizzazione-dei-blocchi-sion-usa.html

Commento di Giancarlo Murgia: "Mentre l’Europa sta cercando alternative energetiche nel momento in cui decide di sanzionare l’annessione della Crimea da parte della Russia, Gazprom potrebbe a breve staccare la spina delle sue esportazioni in Germania e nel resto dell’Europa, con l’aumento del 40% da parte dei prezzi del gas da parte dell’Ucraina è il miglior indicatore di quello che potrebbe essere l’esito per il continente. In questo quadro la Russia sta preparando l’annuncio dell’accordo del “Santo Graal” energetico con la Cina, che creerebbe uno spostamento geopolitico tale da sconvolgere gli scenari mondiali" – Continua in calce al link sopra segnalato

Pescomaggiore. EVA, un futuro ecovillaggio – Scrive Claudia: “Un paio di settimane fa, il consiglio Comunale dell'Aquila ha approvato la "variante di salvaguardia per la cessione perequativa degli standard urbanistici", cioè una delibera che riguarda le cosiddette aree bianche. La cosa ci coinvolge direttamente perché, come molti di voi sanno, il villaggio EVA sorge su un'area originariamente destinata a verde pubblico attrezzato ...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/03/laquila-misa-pescomaggiore-ed-il-futuro.html

Giornaletto e bombardamenti – Scrive Antonio Pantano a commento di un'opinione apparsa sul Giornaletto di ieri http://saul-arpino.blogspot.it/2014/03/il-giornaletto-di-saul-del-22-marzo.html -: "Caro Paolo, leggo l'amenità espressa da Mirella S. "le donne che facevano figli sotto i bombardamenti dei tedeschi". La poverina ha NOZIONI confuse! Chiedile dettagli! Quali "bombardamenti" furono effettuati dai "tedeschi"?...” - Continua in calce al link sopra segnalato

Giornaletto e sconvolgimenti - Commento di Marco Bracci su un tema espresso nello stesso Giornaletto di ieri: "Un’osservazione sul comportamento in generale degli esseri umani. Di fronte agli avvertimenti su imminenti eventi catastrofici, l’uomo fa poco o nulla, forse per scaramanzia, forse per paura di perdere quel che ha raggiunto, forse perché è talmente preso dai suoi problemi personali che non vuole aggiungere ad essi anche i problemi che ha in comune con i suoi simili, e quindi gli appelli finiscono sempre o quasi nell’oblio...” - Continua in calce al link sopra segnalato

Veneto chiede indipendenza – Scrive Plebiscito.eu: “Il referendum online per l'indipendenza del Veneto dall'Italia ha conteggiato 2 milioni 360mila 235 voti, pari al 73% del corpo elettorale regionale. I sì sono stati 2 milioni 102mila 969, pari all'89%, i no 257.276 (10,9%). Sono i numeri della consultazione comunicati poco fa in piazza dei Signori a Treviso dai promotori del referendum”

Ecologia altro nome di economia - Ancora ci ostiniamo a vedere la Terra come fonte di risorse inesauribili, composta di sole materie prime, ma prime per cosa? Per la vita o per il consumo ad esaurimento? La nostra Terra è forse unica in tutto l'Universo, prendiamo l'esempio di una foglia che non è mai uguale all'altra o di un cristallo di neve od un granello di sabbia, ognuno con la sua peculiarità ed unicità. La nostra Terra è il solo pianeta per noi abitabile ma la nostra civiltà lo considera meno di un "valore aggiunto". Quando i politici e gli economisti prenderanno coscienza di ciò? - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/03/treia-25-aprile-2014-ecologia-altro.html

Meditazione e respiro – Scrive Paolo Vittozzi a commento dell'articolo sul respiro http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/03/meditazione-e-pranayama-se-il-controllo.html -: “Belle riflessioni, grazie le ho condivise con il gruppo di meditazione..”

Roma. Latte materno – Scrive AVA: “Giovedì 27 marzo 2014 dalle ore 17,30, presso AVA, in piazza Asti 5/a, alle ore 17,30, conferenza del Dr. Maurizio Conte, sul tema: ALLATTAMENTO AL SENO. Latte materno e giusta alimentazione, componenti vitali per il benessere del bambino. Info. francolibero.manco@fastwebnet.it”

Francesco solo di nome – Scrive Liliana Rai: “Bergoglio, mangiatore di carne per sua stessa ammissione e senza il minimo imbarazzo, il 21 ottobre ad Assisi gli fu servito il suo piatto abituale: lasagne e arrosto, a dimostrazione della totale indifferenza verso la sofferenza dell’animale sacrificato per deliziare il palato del pontefice e delle nostre ormai decennali istanze alla Chiesa cattolica. E mai, nonostante le molteplici sollecitazioni pervenutegli dall’universo animalista, mai una sua parola: eppure parla, oh quanto parla, spesso di calcio che ha definito “dono di Dio”. Mai una sola sillaba di condanna della lurida corrida, mai un sussurro contro la depravata vivisezione che Gandhi definì “Il crimine più nero commesso dall’umanità”. Mai un bisbiglio contro le sevizie e gli assassini di animali nei pali e nelle sadiche feste patronali, tutte dedicate a santi e a madonne...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/03/papa-francesco-di-francesco-ha-solo-il.html

Mio commentino: “Sono comunque dell’opinione che ognuno deve ritrovare per sé stesso il suo equilibrio, io non voglio forzare nessuno, nemmeno i miei figli sono strettamente vegetariani, mangiano poca carne, questo sì, ma lo fanno in modo rispettoso… Ad esempio mio figlio malgrado la sua giovane età, è del 1984, ha già tre bambini, due maschi ed una femmina, coltiva l'orto, lavora manualmente ed alleva animali che di tanto in tanto uccide con le sue mani... Questo mi sembra un atteggiamento "ecologico", anche se io personalmente non potrei farlo, per mie caratteristiche psichiche, ma non ci vedo nulla di anormale nella sua vita e nemmeno vedrei nulla di strano nella vita degli uomini moderni se sviluppassero un rapporto meno indifferente verso gli animali.” - Continua in calce al link soprastante

Verona. Pro-vita animale – Scrive No alla Caccia: “Cari amici, anche quest'anno il Movimento Vegetariano “No alla caccia” sarà in Piazza Brà a Verona, sabato 5 aprile, ore 14,30-18, con un sit-in per dare voce a milioni di cuccioli di animali che vengono uccisi in nome di assurde tradizioni. Info. info@no-alla-caccia.org”

La buddhità è per tutti – Scrive Aliberth Mengoni: “... nel caso di Cudapanthaka (Pali, Culapanthaka), egli aveva un'intelligenza assai bassa e non riusciva a ricordare nulla. Egli seguì il suo fratello maggiore Mahāpanthaka all’interno del Sangha perché voleva diventare monaco. Suo fratello era luminoso, e ben presto ottenne l'ingresso nel Buddha dharma e più tardi divenne un arhat. Il fratello più giovane, al contrario, viveva un momento molto difficile. Cudapanthaka era così ritardato che non riusciva a memorizzare nemmeno gli insegnamenti più elementari. Suo fratello aveva cercato di insegnargli che "Tutte le cose sono impermanenti - quindi non vi è alcun sé". Ma lui ricordava la prima riga, e però dimenticava la seconda.... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/03/nessuno-e-escluso-dalla-buddhita-la.html

Nessuno escluso... Ciao, Paolo/Saul
…............................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

"Sono rimasto
nell’attesa
che il cielo mi avvolgesse di nubi”
(Paolo Mario Buttiglieri)

….........................

“L'uomo partecipa di due vite. Una superficiale e terrena; l'altra di natura cosmica. L'uomo, infatti, come tutte le cose, è energia. La sintesi di questa dualità, ovvero il giusto equilibrio, fa trascorrere questo passaggio terreno con sufficiente armonia. Quando viceversa non si vive anche la propria interiorità, l'uomo vaga inutilmente ed esprime solo la parte negativa dell'energia. Questa condizione fa perdere il senno e il senso di una prova, quella terrena, che potrebbe rappresentare il giusto risveglio nella successiva dimensione. Questo indicano le antiche Tradizioni del sapere estremo-orientale. Ci si chiede, cosa potrebbe determinare una inversione di rotta. Un trauma serio e drammatico, uno shock è la risposta. Ci siamo vicini, così come qualcuno è in fase di risveglio.” (Antonio Dell'Omo)


.....................................


Commento ricevuto: 

Il mio canto di primavera è resistente.

"Atesini"?... No, Sudtirolesi. Mannello non dice il vero. Mussolini aveva italianizzato a forza il Sud Tirolo, storicamente austriaco, culturalmente e linguisticamente, il battaglione  si chiama Bozen, non a  caso. Non solo, fosse questa l'unica contraddizione in seno al popolo  di destra estrema, gli skin veneti e quelli tirolesi se le danno ancora quando si incontrano. E si fracassano gioiosamente le loro pelate e vuote teste.
Con la caduta del fascismo i Tedeschi si erano annessi Il Sud Tirolo, così come si annessero l'Adriatisches Kustenland, il litorale adriatico da Trieste a tutta la Dalmazia.
Quindi quelli non erano "Atesini" ma Tedeschi a tutti gli effetti.
Quanto a doverli piangere, certamente nei loro paeselli ci saranno lapidi e tombe.
Quanto a me, nel mio paese, Cava de' Tirreni c'è una via ed una lapide intitolata al generale Sabato Martelli Castaldi, insigne figura di uomo di cultura e di militare, il suo busto, mansueto, è nel corridoio d'onore del Palazzo di Città. Martelli Castaldi è stato fucilato alle Ardeatine. Mi è sempre sembrato simpatico.
 La mia "Danza di primavera" per sua sventura pubblicata in questo blog dopo questo "Via Rasella" non c'entra proprio niente col pensiero del Mannello. Io sarei stato al fianco di Bentivegna ed  avrei acceso la miccia. Peccato, i molteplici attentati contro pezzi di merda come Mussolini ed Hitler non siano riusciti. Via Rasella è stato anche da un punto di vista militare, un successo. Un'azione militare compiuta da patrioti o sono tali i combattenti soltanto quando indossano una divisa riconosciuta? Chi combatte e non è obbligato dal servizio è più di un soldato, è un guerriero e a destra, queste cose si dovrebbero sapere, fa parte della "mistica" che ho studiato bene, da Junger a Mishima. Quanto alla pena per l'innocuo passante... che faccia tosta, per chi ha scatenato la guerra, per chi ha teorizzato e praticato lo sterminio degli Untermenschen,  all'Est, si farnetica di pena per il bambino e per un passante, dico... qui si rasellla, ops, rasenta la follia. Pazzesco, la pietà a senso unico, milioni di Russi ammazzati a carrettate, partigiani impiccati col fil di ferro, i bambini nelle pance a Sant'Anna di Stazzema finiti a baionettate nelle pance delle madri... No, no, son tutte balle inventate dopo la guerra, le madri di Sant'Anna hanno fatto seppuku, veda la mia cultura, non ho detto harakiri... e poi i mariti han dato la colpa agli eroici Kameraden...
Le Fosse Ardeatine, immonda rappresaglia degna di chi ha realizzato Lidice, Oradour, Marzabotto, Sant'Anna di Stazzema, Boves, Caiazzo e la lista è lunga.
Io sto dall'altra parte. Si tenga ben presente quando si accostano, magari anche, come certamente in questa evenienza, per caso, i miei scritti a sozzure naziste come quella del Mannello.
Viva la Resistenza, gloria a Bentivegna e a tutti i compagni romani. Onore ai martiri delle Ardeatine.
Una pietra sopra la tomba degli assassini non pentiti  come Priebke, Kappler et similia.
Teodoro Margarita

Nessun commento:

Posta un commento