Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 1 marzo 2014

Il Giornaletto di Saul del 2 marzo 2014 – Spilamberto oh cara, il merlo di Cranno, Popper il sofista, Soros il faccendiere, unità universale, Iside svelata, Solvay e le acque di Spinetta...


Spilamberto - Daniela Barozzi in veste casalinga

Care, cari,

Spilamberto, oh cara.. - Scrive Caterina Regazzi. Oggi vado a votare alle primarie che si tengono a Spilamberto per il candidato sindaco del centro-sinistra. Ormai alcuni mesi fa mi sono avvicinata a queste primarie all'interno della coalizione di centro-sinistra per l'elezione del Sindaco, nel paese dove vivo ormai dal 2000 (e ci lavoro dal 1989), ma con una certa titubanza. Infatti, da tempo, sia alle amministrative che alle politiche avevo sempre votato per "altri" , pur rimanendo sempre, secondo me, nella sinistra. Ebbi un approccio indiretto anni fa con Daniela Barozzi, quando io ed il mio compagno, Paolo D'Arpini, andammo a proporre all'ufficio cultura di cui Daniela è assessore, di organizzare nella biblioteca di Spilamberto alcune serate di presentazione della cultura cinese classica (Confucianesimo, Taoismo e Buddhismo), e sul Libro dei Mutamenti. Un tema questo da Paolo approfondito in anni di studio e di riscontri esperienziali. Inoltre proponemmo una recita, da farsi nel cortile della biblioteca, ispirata al libro "101 storie zen". Entrambe le proposte non furono prese in considerazione: non c'era tempo, era troppo presto per fare la richiesta o era troppo tardi. La cosa non ci fece piacere, certo, ma neanche ci sconvolse...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/03/01/spilamberto-2-marzo-2014-primarie-pd-e-come-fu-che-imparai-ad-amare-daniela-barozzi/

Il merlo di Cranno – Scrive Teodoro Margarita: “ A Cranno, questo minuscolo frammento di mondo che abito, assiso sulla collina, ciascun grande albero ha il suo merlo. Sul noce fiancheggiante la strada, ieri, rientrando a casa, ne ho sentito uno e se n'è volato via... volevo solo ascoltarlo, per questo, m'ero fermato... Sul frassino, di fronte alla mia finestra, ne vive un altro ed assieme con lui, nell'orchestra suonano, in coro, alcuni fringuelli. Tutti i giorni, all'alba, apro la finestra, la veranda grande, così, abbassando la radio, per non disturbare, do un'occhiata al meteo, in tempo reale, davvero reale, e mi godo il concerto... Ogni mattino è diverso, ma, sempre, è il merlo a modulare le melodie più graziose, e si, il maestro concertatore è lui. E, quando sarà primavera inoltrata, io lo so, i merli saranno due ed i fringuelli e poi ancora le cince, molte di più. Queste sono le prove per gli amori a venire. Benvenuto marzo, benvenuto a cantare e che giunga, la sento, una brava compagna nel nido accogliente del tuo, sinora silente, umano”

Ungheria libera e sana – Scrive Max Parisi: “L'Ungheria, prima di cacciare l'FMI, l'Unione Europea e la BCE fuori dai propri confini con una decisione senza precedenti, era semplicemente in ginocchio. Ora, grazie alla propria moneta e al controllo della Banca di Stato a cui fa capo la valuta nazionale, a una politica economica accorta, e alla riduzione drastica dei costi interni (energia) e all'aumento delle pensioni e degli stipendi, sta vivendo uno sviluppo e una crescita che hanno pochi rivali in Europa. Certamente nessuno di questi: Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Irlanda, Olanda, Belgio. Tutte nazioni devastate dall'euro e..” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2014/03/01/liberta-politica-e-sovranita-economica-il-caso-ungherese/

Popper, il sofista – Scrive Nereo Villa ad integrazione dell'articolo http://paolodarpini.blogspot.it/2014/02/neo-sofismo-razionalita-di-popper-o-del.html -: “Questo è il tempo di schiavi-pecora scientificamente convinti. Chi poppa alle poppe di Popper una volta per tutte (perché ragionarci su è troppo faticoso per lui) si abitua all'antilogica dello schiavo-pecora che "discrede" (per usare un termine di Orwell) nella verità. Eppure la verità esiste, esattamente come esistono le non verità, e la sindéresi capace di distinguerle...” - Continua in calce al link segnalato:

Roma “marinata” - Scrive NPCI: “Sia lode a Ignazio Marino! Che lo sappia o meno, Ignazio Marino ha mostrato quanto sono false le professioni di impotenza con cui i sindaci di tutti i colori, da quelli di SEL a quelli della Lega Nord, giustificano la loro collaborazione con il governo della Repubblica Pontificia e la loro sottomissione a banche e società finanziarie, contro le masse popolari che li hanno eletti!..”

Soros, il faccendiere guerrafondaio – Scrive Kurt Nimmo: “Il progetto di Soros è quello di destabilizzare l’Ucraina e le altre nazioni che compongono la Federazione Russa. L’Istituto Società Aperta, conosciuta pure come Fondazione Società Aperta (OSF), garantisce borse di studio agli attivisti ONG nell’Europa centrale e continua il lavoro della Fondazione Ford . Difatti fin dagli anni cinquanta la CIA ha utilizzato la Ford Foundation come fonte di finanziamenti in nero. Soros e altre organizzazioni USA come la National Endowment for Democracy destabilizzano e rovesciano governi, compito precedentemente svolto dalla CIA. La destabilizzazione del governo ucraino è parte di una mossa geopolitica mirata a scardinare ogni eventuale ostacolo al loro progetto di egemonia...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2014/03/ucraina-nelle-grinfie-di-george-soros.html

Commento di V.Z.: “La spettacolarizzazione degli eventi a Kiev è stata sottolineata dall’arrivo del guerrafondaio dell’impero, il filosofo neo-con Bernard-Henri Levy che è andato a Maidan come andò in Libia e in Bosnia, reclamando il rispetto dei diritti umani e minacciando sanzioni e bombardamenti. Ogni volta che arriva lui, comincia una guerra. Spero di non trovarmi mai in un paese dove Levy sta programmando una visita..”

Commento di Galina Zobova: “Va da sé che la Federazione russa spera che la stabilità torni in Ucraina. Eppure, le élite di Mosca sanno che consegnare all'occidente "un centimetro" può essere molto pericoloso, quindi la Federazione russa non deve farsi imporre dettati in una zona di grande importanza strategica. Allo stesso modo, la Federazione russa teme per i cittadini russi minacciati dai nazionalisti ucraini. Speriamo che tutte le parti facciano passi indietro per evitare che la crisi degeneri. Tuttavia, la Federazione Russa non può mostrarsi debole, perché l'allargamento di NATO e UE procede”

Abolire le Regioni, non le Province – Scrive Paolo Fantauzzi : “Uno studio della Società Geografica ribalta l’opinione comune. E suggerisce, per abbattere i costi,  di ridisegnare i confini suddividendo l’Italia in 36 aree omogenee per funzioni. Ma quali province, gli enti inutili da abolire sono le regioni! “Gusci vuoti” riempiti di soldi che non hanno saputo gestire il territorio né far altro che esplodere il debito pubblico. A dare un giudizio così drastico non è qualche consigliere locale inviperito per aver perso la poltrona ma la Società geografica italiana (Sgi), una delle principali e più antiche istituzioni culturali del nostro Paese...” - Continua:

Mio commentino: “Meglio tardi che mai…. Fa piacere vedere che le idee bioregionali finalmente trovano consensi… Certo non si menziona la fonte né si fa riferimento ai trascorsi… ma così vanno le cose del mondo, pazienza! Peccato che abbiamo iniziato a pubblicare su internet solo dal 2008, prima le proposte bioregionali apparivano solo sulla carta stampata, sia pur sui maggiori quotidiani, ma le tracce sono andate perse… Per fortuna che Google c’è: https://www.google.com/search?client=gmail&rls=gm&q=opzione+bioregionale+no+alle+regioni+carrozzoni+s%C3%AC+alle+province

Roma. Commemorato bombardamento – Scrive Antonio Pantano: “L'ingegnere FILIPPO FIORENTINI mi ha chiesto per SMS se avessi letto pag. 51 de "Il Messaggero" del 1 marzo 2014, che a tutta pagina ha ricordato il bombardamento aereo eseguito dagli Alleati il 3 marzo 1944 sulla grande industria di produzione di escavatori FIORENTINI, con il quale furono UCCISI 120 LAVORATORI ROMANI. Il quotidiano ha titolato: "TIBURTINA, rivive la strage dimenticata". Ho chiamato l'amico Filippo (è all'estero) e lunedì, al rientro, gli darò dettagli "su quei bombardamenti" invocati .... da un prelato altissimo, che attendeva esasperazione anti italiana ed anti germanica dalla popolazione. Ne ho già pubblicato, ed ho DOCUMENTI inoppugnabili, confortati anche dal volume di De Simone "Ventimila angeli sopra Roma" uscito 25 anni fa'. Quel "prelato" fece ... carriera! Ne sto specificando in un libro da due anni in preparazione. Ma ne ha fatto "cenni e strame" anche Don Luigi Villa, coraggioso sacerdote morto a Brescia due anni fa!”

L'unità universale che parla. Recensione – Scrive Marco Bracci: “ Gli uomini e tutta la natura fanno parte di una grandiosa Unità Universale che abbraccia l’intero infinito. Come avviene il collegamento di questa grandiosa rete di comunicazione? Come agiscono le forze divine del Creato nella dimensione materiale? Cosa significa per la nostra vita il principio “trasmettere e ricevere”? Cos’è la legge di “causa ed effetto”? Una passeggiata virtuale nella natura ed altri esercizi ci aiutano a ricollegarci all’unità della natura, a entrare in comunicazione con il mondo degli animali, delle piante e con il regno dei minerali e ad apprendere....” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2014/03/recensione-di-lunita-universale-che.html

Roma. Alimentazione e cervello – Scrive AVA: “Giovedì 6 marzo 2014 dalle ore 17,30, presso la sede AVA in piazza Asti 5/a, alle ore 17,30, conferenza della Dr.ssa Michela Troiani, Biologa Nutrizionista, sul tema: “L’ALIMENTAZIONE, L’INTESTINO ED IL SUO COLLEGAMENTO CON IL CERVELLO". Il nostro pensiero e i nostri organi interni sono condizionati da ciò che mangiamo”

Iside svelata – Scrive Paola Botta Beltramo: “Einstein ben conosceva i libri scritti da H.P. Blavatsky co-fondatrice della Società Teosofica. Ella scrisse nel suo primo libro “Iside Svelata” nel 1875: Scienza e Religione unite sono infallibili poiché l’intuizione spirituale supera le limitazioni dei sensi fisici. Separate, la scienza esatta respinge l’aiuto della voce interiore, mentre la religione diviene una teologia meramente dogmatica. In definitiva ognuna, lasciata a sé, non è che un cadavere senz’anima” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2014/03/scienza-e-religione-secondo-hp-blavatsky.html

I polli di renzie – Scrive Fabrizio Belloni: “Letta è stato fatto fuori da Renzi, "buon amico dello Stato di Israele". Guarda il caso, a volte! In Ukraina il nuovo Primo ministro autoproclamato è un ebreo. Obama sostiene a spada tratta la parte filo occidentale della nazione slava. L'altra metà è filo russa: nel Mar Nero c'è una grossa flotta di Mosca. Che può chiudere i rubinetti del gas, dei soldi, degli aiuti. E, al loro posto, schierare i carri. Cosa che Putin ha fatto immediatamente. Renzi si consola con 44 sottosegretari: IL NUOVO CHE AVANZA, IL ROTTAMATORE HA FATTO LA PRIMA MOSSA DEL SUO GOVERNO. Come sempre, come tutti”

Commento di F.B.: “Dieci ministri e un numero sufficiente di sottosegretari", prometteva il Rottam'attore in un faccia a faccia tv con Bersani il 29 novembre del 2012 (http://youtu.be/f8OAhVg70_g). Arrivato finalmente a Palazzo Chigi, i ministri sono 16 e i sottosegretari sono 44 (9 sono viceministri). Sarà un numero "sufficiente"? Di sicuro ci sono alcune scelte assai rivelatrici...”

Educazione omosessuale nelle scuole – Scrive F.B. a commento dell'articolo
http://www.circolovegetarianocalcata.it/2013/11/16/petizione-contro-documento-oms-no-alleducazione-sessuale-deviata/ -: “... La Natura è eterosessuale giocoforza, essendo la continuazione della specie il suo obiettivo principale. In natura ci sono, è vero, anche pulsioni di altro tipo fra gli uomini, ciò non vuol dire che siano "normali" nel senso etimologico del termine. Riconosco che sia altrettanto giusto che ogni ADULTO viva la sessualità come gli pare, purché con ADULTI consenzienti e in modo assolutamente sobrio e privatissimo. Non accetto in nessun modo che si voglia far passare per normale ciò che non è soprattutto agendo sulla mente dei bambini, instillando loro idee e comportamenti che spesso nemmeno si presentano in età così tenere. Mi sa tanto di lavaggio del cervello per inculcare principi altrimenti minoritari. Insisto col dire che la scuola possa essere un giusto coadiuvante nell'educazione che DEVE, in primis, attuarsi nella famiglia a cui spetta la scelta dell'educazione da impartire ai propri figli.”

Mio commentino: “Beh, nell'immaginifico dell'alienazione dal genere si comincia con poco, con innocenti modellini. Prima unisex, poi bisex, infine transex e trangender e l'uomo e la donna scompaiono. Insomma l’alienazione dal genere diventa una forma di alienazione sociale. La specie umana diventa una specie di alieni... Angeli o demoni che siano. Infatti gli angeli ed i demoni anche nella fantasia "religiosa" non hanno un preciso genere, sono neutri e dimostrano un sesso ambivalente secondo la "necessità" o l'utilità. …” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2012/11/educazione-ed-ecologia-sessuale-e.html

Adesso. Uguale a prima – Scrive Contro la Crisi: “Matteo Renzi ha tenuto ieri il suo primo Consiglio dei ministri. Pontifica sul decisionismo e il giovanilismo. E intanto riempie l’Italia di altre tasse. E della forma più odiosa, con le esenzioni per i soliti “poteri forti”, in questo caso Vaticano e multinazionali...”

Ridere per non piangere – Scrive M.F. : “Che bello non abbiamo da tempo la rottura di scatole di dover andare a votare e finalmente la grossa novità dell'aumento delle accise sulla benzina e delle tasse sulla casa e sull'immondizia. Grazie, è proprio da incoscienti non avviare un dialogo con il nuovo che è democraticamente entrato. Ho da poco subito un furto e stavo pensando di andare in diretta streaming con il ladro per trovare un accordo e, per carità, non per dirgli che sono incazzato. Wake up!”

Alessandria. Solvay e le acque di Spinetta – Scrive Lino Balza: “Chi scrive ha ingerito l’acqua di Spinetta per 35 anni, se gli avessero detto che proveniva da sotto quella spugna che è la fabbrica Solvay: non avrebbe bevuto ai rubinetti e mangiato in mensa, e avrebbe denunciato il fatto pubblicamente. Nei servizi riservati ai dirigenti siamo, oggi, venuti a conoscenza che era apposto il cartello “Acqua non potabile”...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2014/03/solvay-e-le-acque-inquinate-di-spinetta.html

Andiamo avanti... a tocchi e bocconi. Ciao, Saul/Paolo

….............................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:

“Per anni ho desiderato diventare vegetariano. Non riuscivo a capire come fosse possibile parlare di misericordia e chiedere misericordia, parlare di umanitarismo e contro lo spargimento di sangue quando noi stessi spargiamo sangue, il sangue di animali e di creature innocenti. Sono assolutamente convinto che fino a quando le persone spargeranno il sangue delle creature di Dio, non ci sarà pace sulla terra. C'è solo un passo tra lo spargere sangue animale e lo spargere sangue umano. Quando un essere umano uccide un animale per mangiarlo, soffoca la propria aspirazione alla giustizia. L’uomo invoca misericordia, ma è incapace di manifestarla agli altri. Perché allora dovrebbe aspettarsi la misericordia di Dio? Non è giusto aspettarsi qualcosa che noi stessi non siamo disposti a dare. Ciò che i Nazisti hanno fatto agli Ebrei, gli umani lo stanno facendo agli animali. Non ci sarà giustizia fino a che un uomo brandirà un coltello o un'arma per distruggere coloro che sono più deboli di lui. La liberazione animale è anche liberazione umana. La pietà verso gli animali è talmente legata alla bontà del carattere da consentire di affermare fiduciosamente che l'uomo crudele con gli animali non può essere un uomo buono.” (Isaac Bashevis Singer)


.......................................


Scrive Marco Bracci: “Grazie a Teodoro per avermi fatto ricordare quello che qui di seguito racconto, a proposito di merli.
Vivo alla prime pendici delle colline brianzole, in un residence con molto verde. Certo non c’è la natura selvaggia intorno a me, tutto è costruito e artefatto, ma grazie a grandi alberi e arbusti sparsi ovunque, c’è un po’ di vita animale, nonostante i passeri siano ormai scomparsi da anni, forse sterminati dagli insetticidi che ogni anno vengono sparsi a man bassa.
Però arrivano sempre, di passaggio per un paio di giorni, le cince e qualche batticoda, ma soprattutto, già da un mese, sono arrivati i merli. Ora che ci penso, non ho ancora visto i pettirossi.
Il complesso in cui è inserito il mio appartamento è esteso in lunghezza invece che in altezza e fa da divisorio per due territori “merlini”. Infatti c’è una famiglia di merli che vive dalla parte della cucina, a nord, e un’altra dalla parte del soggiorno, a sud.
Da tempo uso mettere del cibo in piccoli recipienti, sia da una parte che dall’altra. La famiglia del nord adora l’uvetta passa e non sopporta i croccantini vegani che uso per i gatti.
La famiglia a sud adora i croccantini e lascia marcire le uvette.
Ambedue, però, si sono fatte furbe e, quando  manca il loro cibo preferito nelle ciotole, non si vergognano a chioccolare sul davanzale guardandoci con aria di rimprovero (i nordisti) e a battere con il becco sul vetro della porta che dà sul terrazzo dove mettiamo i croccantini (i sudisti). Mi aspetto che un giorno o l’altro mi dicano “allora, affamatore di merli, ce lo dai da mangiare o no!?”



Nessun commento:

Posta un commento