Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

martedì 23 febbraio 2016

Il Giornaletto di Saul del 24 febbraio 2016 – Hortus Urbis, memoria fertile della Dea, fuocoammare, fermento bellicistico, superare il turbo-capitalismo, estetica spirituale, U.G. Krishnamurti...



Care, cari, scrive Luca: “ci date una mano con il vostro voto e diffondendo? Abbiamo deciso di partecipare a un bando di Aviva Community Fund per finanziare l'Hortus Urbis. La gestione dell'orto con piante selezionate fra quelle utilizzate ai tempi dell'antica Roma, è affidata a volontari che curano uno spazio pubblico aperto a tutti nella magnifica cornice del Parco dell'Appia Antica. Nonostante sia uno spazio pubblico non riceve finanziamenti di sorta e quindi ci diamo da fare... - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/02/hortus-urbis-cerca-voti-di-sostegno-e.html

Milano. Pro Regeni – Scrive Pressenza: “Nel corso del Consiglio Comunale del 22 febbraio ho proposto una mozione che è stata sottoscritta da tutti i gruppi consiliari: il Consiglio Comunale di Milano impegna il Sindaco a trasmettere al Ministro degli Esteri la preoccupazione del Consiglio Comunale, con la richiesta ad agire con determinazione per ottenere un’indagine indipendente sull’assassinio di Regeni.”

Separare il grano dal loglio – Scrive Piotr: “Personalmente, esulterò soltanto quando vedrò un presidente statunitense che mette con le spalle al muro la finanza, inizia un serio disarmo e si fa promotore per una distribuzione multicentrica del potere mondiale. Non dipenderà da Trump, Sanders o Clinton, ma da quali élite statunitensi e occidentali predomineranno nel prossimo futuro e come penseranno di gestire la crisi sistemica. Le loro decisioni dipenderanno moltissimo dai rapporti di forza da qui a fine anno. Quindi, se non prendo un'enorme cantonata, dovremmo far voti perché la coppia Obama-Kerry, che pure ci è odiosa, resista ancora per qualche mese. A sua volta, per capire cosa succederà alla coppia Obama-Kerry dovremo stare attenti a quello che succederà a breve nei palazzi di Ryad e di Ankara...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/02/23/separare-il-grano-dal-loglio-non-e-facile-come-in-usa-non-e-facile-scegliere-fra-il-trump-e-la-clinton/

Postilla: “Molti sedicenti “marxisti” insistono ancora che l’economia è il fondamento di ogni fenomeno e che la politica è una sovrastruttura. Per fortuna né Lenin né Mao la pensavano in questo modo sciatto dove l’ammontare di dialettica è pari a zero. Anzi, sconfina in zona negativa e Marx, sempre tirato in ballo di sproposito, si sta rigirando nella tomba.”

Pescara. “Dea. La memoria fertile” - Scrive Michele Meomartino: “Il 12  e 13 Marzo 2016 a Pescara si svolgerà un importante convegno su: “Dea. La memoria fertile”. L’intento della Rete Olistica Adriatica, organizzatrice del convegno, è quello di recuperare una memoria fertile con cui le donne, a partire dalla loro particolare sensibilità, hanno cercato di rappresentare il proprio rapporto con il sacro, dando origine a forme devozionali di grande interesse...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/02/bioregionalismo-e-matrismo-pescara-12-e.html

Mio commentino: “La sacralità al femminile trova il suo culmine espressivo nel matrismo, il cui valore centrale è il rispetto della vita e delle differenze. il matrismo è un’intuizione sulla convivenza solidale che contraddistinse tutto il neolitico, infatti alcuni lo definiscono anche “comunismo delle donne”....”

Il Titanic affonda e “fuocoammare” vince a Berlino – Scrive Vincenzo Mannello: ”Al Festival di Berlino ha vinto, tra gli entusiastici peana della critica, dei media e del governo italico, il film di Rosi "Fuocoammare". Non ne discuto il valor artistico (non lo ho visto) ma credo proprio si sia aperto un nuovo "filone d'oro", conformista e politicamente corretto, per artisti, giornalisti, scrittori etc. in parallelo con quello sulla shoah che ha arricchito tantissimi (specie sinistrorsi e catto-radicalchic)...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/02/mentre-il-titanic-affonda-fuocoammare.html

Il ridicolo che avanza - Scrive V.Z.: “Una delle cose più ridicole in assoluto è che i governi italiani, in questi ultimi anni, hanno fatto esattamente le riforme richieste (anzi imposte) dai tecnocrati padronali dell'Unione Europea, col bel risultato che tutti vedete: austerità, disoccupazione, debito, distruzione dei servizi, svendita di proprietà pubblica, devastazione della democrazia, strapotere della finanza che disintegra l'economia produttiva, bail in, continuazione delle guerre imperialiste, fame, miseria, desolazione. E di fronte a questa catastrofe ultracapitalista contro i popoli i deficienti-delinquenti austeristi eurirsti a strepitare ancora: "Ci vuole più Europa!". Ma andate a mori' ammazzati. Subito...”

Armi vaticane. Informate Papa Francesco – Scrive Marco Bracci a commento dell'articolo http://retedellereti.blogspot.it/2016/02/la-pace-non-si-fa-con-le-armi.html -: “Direi che sarebbe il caso di informarlo anche che il Vaticano ha partecipazioni azionarie in diverse fabbriche di armi. Quand’è che smetteranno di essere ipocriti?”

Postilla, tanto per precisare: “Inoltre la chiesa cattolica riceve dallo stato € 30 miliardi all’anno, che diventano € 200 miliardi tra tasse non pagate, sovvenzioni alle 30.000 onlus cattoliche, aiuti alle sue banche, ai suoi patronati, ai suoi politici, alle sue multinazionali, ai suoi sindacati, ai cappellani militari, etc etc etc”

Libia. No alla guerra imminente – Scrive Vincenzo Brandi: “Nell'imminenza della guerra alla Libia, ordinataci dalla Nato, per tornare a distruggere e depredare quel paese e alla luce della sempre più massiccia aggressione della coalizione Nato-Israele-Golfo a Siria e Iraq, cui si oppone la vittoriosa resistenza del popolo siriano...” - Continua: http://retedellereti.blogspot.it/2016/02/fermiamo-la-nuova-guerra-libica.html

Commento di Roberto Rizzolio: “...La nato e solo una frazione del crimine contro l'umanità. Assieme alla nato operano moltissimi apparati civili di supporto a queste guerre fornendo tecnologie senza le quali non si potrebbero fare. Mi riferisco alla saturazione dell'atmosfera di particolato metallico, alla distruzione delle nuvole ed alla creazione di uno strato atmosferico conduttivo per osservare e guidare le loro macchine di morte. Anche questo crimine va combattuto insieme alle basi nato...”

Libia. Partono da Sigonella – Scrive Anita: “Il governo italiano ha dato il permesso a droni armati statunitensi di spiccare il volo dalla base di Sigonella, in Sicilia, per condurre operazioni militari contro l’Isis in Libia e in tutto il Nord Africa. A rivelarlo un articolo del Wall Street...”

Commento di V.B.: “E dobbiamo apprenderlo dal Wall Street Journal! Il nostro governo non ha nemmeno la faccia di avvertirci che siamo in Guerra...”

Homs. Terroristi falsi e bugiardi – Scrive Fernando Rossi: “Le immagini delle enormi distruzioni nella città di Homs vengono addebitate alla aviazione russa, fingendo di non sapere che sono stati i terroristi a far saltare interi quartieri abitati da cattolici e da musulmani sciiti. Anche la vicenda del bombardamento dell’ospedale di medici senza frontiere, ignorando le prove che gli aerei sono partiti dalla Turchia, è stata usata per fermare i bombardamenti della aviazione russa...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/02/23/homs-i-tagliagole-distruggono-la-citta-ma-danno-la-colpa-ai-russi/

Roma. Manifestazione pacifista – Scrive Marinella Correggia: “Alla luce del criminale ruolo di Erdogan e Saud in particolare sullo scenario siriano (e yemenita, per i Saud), nonché delle recenti conferme circa la combutta fra turchi e Daesh, abbiamo pensato , come pacifisti attivi su Roma e dintorni, di convocare una anche piccola manifestazione di protesta con cartelli in inglese perché la possano usare all'estero (grazie al fotografo Montesi). Marco Palombo è andato in Questura; il permesso per giovedì 25 febbraio nei pressi dell'ambasciata turca c'è, dalle 11 alle 13, ma il momento di punta sarebbe verso le 12... Tutti presenti, mi raccomando!”

Siria. Fermento bellicistico o venti di pace? – Scrive Claudio Martinotti Doria: “Gli ottimisti possono continuare ad esserlo ed ad informarsi dai tg, gli altri, quelli che lo sono meno, se non hanno ancora provveduto è meglio che rinforzino la dispensa di casa, cibo a lunga conservazione e scorte di acqua, e che convertano i loro risparmi nella vera moneta, quella che è considerata tale fin dagli albori delle antiche civiltà conosciute. Fin da ragazzo sapevo dai testi che andavo studiando, che se doveva scoppiare un nuovo conflitto mondiale sarebbe avvenuto in Medio Oriente...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/02/23/siria-fermento-bellicistico-o-venti-di-pace/

Commento di V.B.: “L'accordo Russia-USA non riguarda Daesh e Al-Nusra (a sua volta alleato con Ahrar Al Sham ed una miriade di altri gruppi nel fronte Jaish Al Fatah); quindi non riguarda l'80 o 90% dell'opposizione armata. Inoltre Turchia e Araba Saudita si metteranno di traverso. E che diranno Trump o H. Clinton, se vincono le elezioni? Quindi la tregua concordata è un fatto positivo, ma parziale  e non definitivo. Per ora la Guerra continua..”

Commento di Roland Lombardi: “Gli obiettivi che Mosca persegue in Siria non costituiscono una minaccia per l'Occidente, ma al contrario coincidono con i suoi interessi. Bisogna essere ciechi per non notare che, difendendo i propri interessi in Medio Oriente, la Russia allo stesso tempo sta difendendo gli interessi dell'Europa"

Superare il turbo-capitalismo – Scrive Vincenzo Zamboni: “Crisi permanente? Non rimane che imboccare la via di uscita: - Rinuncia alla crescita continua, - Recupero della sovranità monetaria, - Recupero degli strumenti di politica economica monetari e doganali, - Nazionalizzazione bancaria e controllo della finanza, con riduzione della economia nominale, - Ricostruzione dell'economia fondata sulla centralità del lavoro, - Politica di decrescita, - Riduzione delle spese militari attraverso una politica di pace, coesistenza e mutua cooperazione contrattuale tra i popoli. - Riconversione industriale civile della produzione bellica eccedente le esigenze della difesa...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/02/riconversione-la-parola-magica-per-il.html

Siria. Notizie taciute su cessate il fuoco e libere elezioni – Scrive Gianni Caroli: “...come vedere il "CESSATE IL FUOCO" deliberato in Syria, di comune accordo fra Russia, Syria ed USA, e le libere elezioni indette per il 13 aprile dal Presidente Assad? E perché la cartapiombata italyana, almeno sulle prime pagine dei quotidiani, ne tace totalmente? Tace perché questa è una autentica DISFATTA degli Stati Uniti, paragonabile a quella del Vietnam di 41 anni fa, con la caduta di Saigon in mano dei Combattenti Nazionali Vietcong di Vo Nguyen Giap...”

Senigallia. Estetica spirituale – Scrive Renato Tittarelli: “Estetica Spirituale è un termine originale ideato dall’Autrice Milena Campanella per designare l’aspetto spirituale dell’esperienza estetica. L’estetica, in generale, è infatti la disciplina filosofica che si occupa dell’arte e del bello; l’Estetica Spirituale sta ad indicare una metodologia che, attraverso l’arte, consente di avvicinarci al divino...” - Continua:

Mio commentino: “…sento che questo è il momento storico giusto per tentare l’alchimia dell’incontro fra “spirito” e “materia”. Il punto di unione chiaramente può essere solo nella sottigliezza del pensiero che si manifesta nell’estetica, nell’ecologia, nell’etica e nella ricerca spirituale ampliata a tutti gli ambiti della vita. Ringrazio l’autrice del libro per aver toccato questi temi…”

Risposta di Milena Campanella: “Grazie Saul per il tuo commento! L'uomo, da sempre, ricerca la conoscenza ma questa, per essere completa, deve integrare e unificare i due aspetti apparentemente opposti di "spirito" e "materia". Quando riusciremo a vedere nella materia la manifestazione dello spirito, finalmente lo sfruttamento degli uomini, degli animali e delle risorse del pianeta cesseranno e la nostra Terra si trasformerà in un Paradiso!”

Il mio incontro con Uppaluri Gopala Krishnamurti - …Mi restavano pochi amici laici, liberi e seriamente consapevoli dell’Unità dietro il nome la forma, una di questi era Marisa Saetti, persona squisita che di tanto in tanto andavo a visitare nella sua casa antica, vicino alla sede del Partito Radicale, in pieno centro storico di Roma. Un bel giorno autunnale del 1974 Marisa mi disse: “Sai viene a trovarmi un Jnani (uomo di conoscenza), che vive in Svizzera ma di tanto in tanto passa da queste parti, si chiama Krishnamurti – ma non è quell’anti maestro dei teosofi- è Upalluri Gopala Krishnamurti, detto U.G. uno che sta per conto suo, sarà qui a pranzo da me domani, perché non vieni anche tu a farci compagnia?”... - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/06/ug-per-gli-amici-il-mio-incontro-roma.html

C'è abbastanza materiale per una lunga riflessione sui destini del mondo. Ciao, Paolo/Saul

…....................................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

“La conoscenza umana è solo una... e non ha portato mai ad alcuna comprensione... sempre che ci sia qualcosa da comprendere...” (U.G.)

…...................

"Acqua.
L'acqua è per me la vita.
Acqua da bere, acqua che mi travolge il corpo.
Acqua nella quale tuffarsi,che sia di mare, di fiume, di lago,un ruscello meglio
ancora discendente dalla montagna.
Acqua, che meraviglia!”
(Francesca Pagano)



Nessun commento:

Posta un commento