Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 12 luglio 2009

"L'unica energia nucleare pulita è quella solare..." - Lettera a Pinocchio.. (Silvio Berlusconi)

Non voglio ripetere la cronistoria degli ultimi trenta o quaranta anni ma non posso nemmeno far finta di nulla in merito alle continue buffonate che leggo sui giornali, o sui siti d'informazione e -fugacemente- ascolto nei notiziari televisivi, in cui si prospettano assurde soluzioni alla carenza di produzione energetica. Sino all'ultima trovata di ritorno al nucleare fatta dal Governo di "Pinocchio" Berlusconi "per ottemperare ai bisogni di energia elettrica" dice....

Ma l’aumento delle necessità energetiche è una menzogna ed un falso problema, legato alla volontà politica di concentrare la produzione energetica in grossi stabilimenti. La concentrazione nella produzione energetica è possibile solo con l’uso di fonti combustibili artificiali o fossili od atomiche, che sono però causa d’inquinamento massiccio, effetto serra e degrado urbano ed ambientale. Sono almeno vent’anni che continuo a suggerire –inascoltato- la rinuncia alle grosse centrali ed il ritorno alla produzione locale con metodi naturali. Ogni comune od al massimo provincia può tranquillamente produrre energia senza ricorrere né al policombustibile, né al carbon fossile, né al nucleare. Basta utilizzare le fonti naturali presenti sul luogo: sole, vento, geotermia, biogas, corsi d’acqua, etc.

Se invece di essere concentrata in grossi impianti industriali la produzione energetica fosse diffusa anche le centrali attuali di Civitavecchia e Montalto risulterebbero inutili.

Il futuro energetico in Italia sta nella produzione e montaggio di pannelli solari ad esempio nel ripristino di chiuse idriche e ventole eoliche -da installare però in zone industriali e lungo le autostrade e non nei territori vergini-, nel recupero di materie organiche di scarto per il biogas, nell’utilizzo di fonti termali…. in tutti i modi in cui si può produrre energia elettrica pulita…. Il sovrappiù energetico che non servisse al comune od alla provincia potrà essere "venduto" all’Enel e ritrasmesso alle città come Roma o Milano che forse non ce la fanno ad auto-sostenersi. Dico "forse" ma son convinto che con un po’ d’inventiva ed intelligenza persino Roma potrebbe diventare autosufficiente, basterebbe cominciare ad utilizzare in toto l’organico che ora finisce al macero in discarica. Ed inoltre vediamo quanta dell’energia assorbita da Roma è veramente necessaria al suo funzionamento sociale, magari si scopre che tantissima energia va sprecata inutilmente….
Insomma non si può continuare a far finta di niente continuando a blaterare che "serve energia" quando siamo circondati da energia inutilizzata e pulita che non viene usata, smettiamola con l’ipocrisia politica scientifica economica e che sia finita qui….

Per quanto riguarda l'inutilità e dannosità di ricorrere al nucleare vi rimando a vari articoli recenti pubblicati sul sito del Circolo Vegetariano VV.TT., in cui si dice chiaramente che la scelta dell'uranio non è affatto economica né conveniente....

http://www.circolovegetarianocalcata.it/?s=uranio

Comunicazione congiunta: Saul Arpino e Paolo D’Arpini – dall’isola di Calcata
0761-587200
circolo.vegetariano@libero.it - saul.arpino@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento