Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

sabato 11 giugno 2016

Il Giornaletto di Saul del 11 giugno 2016 – La verità intrinseca, Calcata: ascoltare una pianta, le colpe dei 5 stelli, (A)rabbia (e)saudita, clistere in spiaggia, Mondeggi: è festa, post mortem...



Care, cari, ascoltare se stessi. Spesso quando mi azzardo a parlare con qualcuno di spiritualità in riferimento agli insegnamenti vedantici, buddisti, taoisti, zen, ed anche tuoi, che poi fanno riferimento anche a questi, vengo tacciato come un "presuntuoso, che ha scoperto la verità"! questo mi delude perché so benissimo di non aver scoperto alcunché, so solo che dietro questi insegnamenti percepisco la verità e basta. Non ho la presunzione di insegnare niente a nessuno, primo perché non ne ho nemmeno le capacità intellettuali, secondo perché non sono insediato nel sé, terzo perché ognuno cerca se stesso (se sente il fuoco della ricerca) secondo le proprie attitudini... (E.S.)

Mia rispostina: "...la verità intrinseca non può essere trasmessa, può essere solo riconosciuta quando appare evidente per diretta esperienza. L'unico modo per -in qualche modo- lasciarla trapelare è viverla come un fatto senza cercare di dimostrarla. Né più né meno come non cerchiamo di dimostrare di essere umani, lo siamo e basta....ed ognuno che sa riconoscere in se stesso questo "fatto" non ha bisogno di spiegazioni sul cosa significhi umanità. Ognuno di noi conosce quella verità... poiché lo siamo, e se lo neghiamo lo facciamo solo tramite la stessa verità che neghiamo di essere. Noi siamo coscienza, senza ombra di dubbio, null'altro c'è da conoscere..."

Ascoltare una pianta – Scrive Felix D'Arpini: “Calcata è come un mosaico al quale noi diamo un aggettivo come caselle e un senso come spettatori. Tutti siamo uniti da fili più o meno sottili tra noi è con il mondo esterno, per sapere la verità basta osservare. E per chi volesse saperne di più basta andare a chiedere alla pianta...” - Continua: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/06/calcata-ascoltare-una-pianta-per.html

Commento di Samarah Matesic: "Non abbiamo bisogno di templi, chiese o moschee, quelle sono invenzioni di uomini che cercano potere su altri uomini: la natura ha creato per tutti, gratuitamente, il più bel tempio del mondo: il bosco."

Trento. La stabilità permanente (con il si alle riforme) – Afferma la Boschi, autrice delle famose riforme (in)costituzionali: "... SE VINCE IL NO L'ITALIA TORNA INSTABILE. Al referendum di ottobre sulle riforme costituzionali è in gioco futuro del Paese, non il destino di qualcuno". A dirlo, al festival dell'Economia di Trento, il ministro delle Riforme, Boschi"

Mio commentino: "Rispondo alla Boschi con una canzoncina di Battiato: https://www.youtube.com/watch?v=0XW9XN_vDaA - Album tratto dalla Voce del Padrone"

Commento di A.T.: "Bisogna iniziare a capire quali siano le vere forze in campo, qual è la vera partita in gioco e quali possibilità abbiamo, se camminiamo tutti insieme, non i partiti o le associazioni, ma gli italiani. Abbiamo un appuntamento importante alle porte ed è il referendum sulla riforma costituzionale dove nessuno dice o scrive qual è la verità celata dietro la fantomatica cancellazione del Senato. Per ora ci basti sapere che dobbiamo votare tutti e compatti NO, ma non solo per mandare via Renzi, né per difendere la Costituzione esistente già abbondantemente disattesa, né per difendere l’esistenza del Senato, di cui potremmo benissimo fare a meno, se ci fossero reali organismi partecipativi, ma soprattutto per difendere i nostri già ristretti margini di libertà e per impedire che l’Italia, con il suo mirabile popolo, finisca..."

Tauromachia. E' ora di finirla – Scrive Silvia Premoli: "Nelle 26 città italiane in cui si tiene la protesta, si raccoglieranno le firme da presentare al Parlamento Europeo per l'abolizione di spettacoli di tauromachia; di recente lo stesso Parlamento Europeo ha approvato un emendamento che cancella dal bilancio i sussidi per gli allevatori di tori da combattimento. Attivisti appartenenti a diverse sigle animaliste saranno in piazza per chiedere l'abolizione della corrida e di ogni forma di tauromachia..." - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/06/10/11-giugno-2016-no-corrida-day-in-26-citta-italiane-si-protesta-contro-la-tauromachia/

Cause migratorie – Scrive Marinella Correggia a integrazione dell'articolo http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/04/09/soccombere-al-degrado-sociale-o-preparasi-ad-affrontarlo/ -: "Vi mando questo approfondimento che ho fatto sulle "cause miste" delle migrazioni... http://www.adista.it/articolo/56358 - Profughi ambientali, in fuga dalle guerre alla Terra..."

Le colpe (pretestuose) dei 5 stelle – Scrive Adriano Colafrancesco: "Da quando si è capito che aria tira nelle elezioni amministrative di quest’anno, dalla raffinata Lilly Gruber su La 7 – impegnatissima ad approfondire il tema delle Olimpiadi a Roma - minacciate dall’avvento di Virginia Raggi alla poltrona di sindaco – al più grossolano Maurizio M’annoi che notte tempo cerca di strappare a tal Pini della Sega Nord dichiarazioni di (improbabile) inciucio con i 5 stelle ... " - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/06/10/lagnello-ed-il-lupo-e-le-colpe-dei-5-stelle-a-roma-a-parma-ed-ovunque-in-italia/

Integrazione di Fabrizio Girolami: "Stanotte ho fatto un sogno, terribile. Si vedevano cardinali in festa con giovani preti in mutande. Si vedevano notabili e palazzinari di vario genere che soddisfatti aprivano bottiglie di champagne. Ma si brindava anche con acqua Egeria, acqua Marcia, acqua del collettore fognario di Roma Sud. C'era uno stadio, anzi tantissimi stadi e colate di cemento ovunque con animali disperati in fuga...." - Continua in calce al link soprastante

Commento di Fabrizio Belloni: "Malgrado tutto ...i 5 stelli sono destinati a crescere, allargarsi, raggiungere l’apogeo, poi comincia la discesa che si trasformerà in valanga rovinosa. Come sempre. Come tutti. Come la democrazia non può non imporre. Hanno una colpa, i 5 stelli. Una colpa che non è quella di avere eventualmente qualche ladro di polli nelle proprie fila: gli apostoli erano dodici ed uno era già un monello (o un Uomo, fate voi). Figuriamoci!. No, la colpa dei 5 stelli è quella di ritardare di un poco, solo di un poco, la fine della finta democrazia parlamentare. Ai miei occhi è colpa grave. Non mi fregano. Non credo al miglioramento della vita pubblica italica: non può migliorare il nulla, lo zero..."

Commento di Vincenzo: " ..."masanielli" ? Non offendiamo quella parte di popolo che impugnava coltelli e forconi contro chi li governava... con Masaniello in testa! Grillo ed i grillini quando li minacciarono di arresto, dopo la chiamata alle armi contro Napolitano, se la fecero sotto! Sono un aspetto diverso della partitocrazia e, come già da segnali, quando governano non fanno niente di trascendentale."

Mio commentino: "Caro Vincenzo, ormai la parola "masaniello" è entrata nel linguaggio comune con il significato di rivoltoso a metà, poco motivato. La sua rivolta fu scatenata dall'esasperazione delle classi più umili verso le gabelle imposte dai governanti sugli alimenti di necessario consumo. Il grido con cui Masaniello sollevò il popolo il 7 luglio 1647 fu: «Viva 'o Rre 'e Spagna, mora 'o malgoverno» Mi pare che sia più o meno la stessa politica dei 5 stelluti. Ciò non ostante, finché vige questo sistema, occorre votare per il meno peggio, anche se lo sarà per un breve tempo, anche se è destinato a seguire la via dei masanielli..."

(A)rabbia (e)saudita, per sempre – Scrive M.C.: "Pochi giorni fa, al festival dell’economia di Trento, il ministro degli esteri dello Stivale Paolo Gentiloni ha riferito del suo pellegrinaggio a Riad, alla corte dei Saud. Togliamoci dalla testa che l’Italia smetterà di vendere anche solo una pallottola ai suoi padroni del Golfo. Anzi, aiuteremo i Saud a rendere eterni i loro privilegi, anche quando finirà il petrolio..." - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2016/06/10/arabbia-esaudita-per-sempre-gentiloni-in-ginocchio-dai-saud-per-qualche-stilla-di-petrolio-in-piu-e-per-vendergli-quelle-armi-che-garantiscono-il-loro-potere/

Ronciglione. Yoga Shake – Scrive Centro Ram Dass: "Yoga Shake dedicata al benessere a 360°, quest’anno si terrà dal 17 al 19 giugno e sarà ospitata nel Relais Villa Lina a Ronciglione. Uno spazio magico di incontro tra arte, storia e natura che costituirà la cornice ideale per il Festival del benessere. Info. 0761/353160"

"Ricordi del bagno con vista nel deserto" - Scrisse Chen Mao Ping: "....il villaggio di Ayong non era molto distante dalla costa dell'oceano Atlantico. Erano solo 200 Km andata e ritorno, e li si poteva coprire in un giorno. Avevamo sentito dire che Nouadhibou si trovava in una baia, mentre la costa occidentale facente parte del Sahara per circa 500 km era receduto, riuscimmo a giungere fino al mare senza perdere la strada e, procedendo man mano lungo la costa rocciosa..." - Continua:

Roma. Formaggi vegani ed altro ancora – Scrive Luciano Romani: "Degustazione di formaggi vegan "In-forma" il 15 giugno dalle 18.30 presso Naturavino, in via Federico Enriques 25 a Roma, proponiamo una serata a base di formaggi vegan, cibo crudista e vini naturali, con l'opportunità di poter approfondire dubbi, curiosità e segreti dell'universo vegan con Simona e Patrizia. Info. romani.luciano@gmail.com"

Mondeggi. Agricoltura contadina – Scrive Genuino Clandestino: "Un percorso sperimentale in continua trasformazione che festeggi i primi due anni di custodia permanente: siete tutti invitati ad una tre giorni di autodeterminazione alimentare, riflessioni e biodiversità. Dal 24 al 26 giugno 2016 nella fattoria di Mondeggi (Firenze)..." - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2016/06/dal-24-al-26-giugno-2016-mondeggi.html

Modena. Canti e balli con la Lanterna Magica – Scrive Piero Negroni: "Se volete ancora ballare dopo i cantamaggi, l’occasione è domenica 12 giugno, alle 21, in piazza Matteotti a Modena nell’ambito della “Festa del Nocino”, così potrete anche fra un ballo e l’altro degustare un bicchierino. Sperando che sia indulgente questo tempo autunnale..."

Post Mortem. La vita continua? - Scriveva Cesare Boni: "Stiamo vivendo un momento assai buio nella conoscenza della natura dell’uomo. Si parla tanto della vita senza sapere cosa sia la vita. Quale è, domando, la natura della vita? Dove la trovo? Di che è fatta la vita? Ognuno parla senza sapere, anzi, meno sa e più parla, e questo anche ai più alti livelli. Sento pontificare sulla fine della vita. Può mai la vita finire?.." - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2016/06/post-mortem-la-vita-continua.html

Disse Tolle che la maggior parte delle persone nell'ora della dipartita porta con sé troppa resistenza residua, troppa paura, troppo attaccamento all'esperienza sensoriale, troppa identificazione con il mondo manifesto. In quel momento o morienti vedono il "portale" dell'immanifesto ma se ne allontanano con timore, quindi perdono la consapevolezza. Beh, teniamoci pronti a riconoscere la nostra vera natura almeno all'ora... Ma come disse Vivekananda solo se avremo praticato in vita il distacco, seguendo una pratica spirituale, saremo in grado di riconoscere il Sé nel momento della morte. Ciao, Saul/Paolo

.....................

Pensiero poetico del dopo Giornaletto:


"Le idee negative della tua mente devono essere rilasciate, non devono essere represse da idee positive. Occorre che tu crei una coscienza, che non è positiva, né negativa. Quella sarà una pura coscienza. In quella pura coscienza, vivrai la più naturale e gioiosa delle esistenze..." (Osho)

Nessun commento:

Posta un commento