Saul Arpino ritorna…


Avete visto quella faccia della foto in vetrina… chi è quello, sono forse io?
Potrei dire di sì ed anche di no…. Sono io per le convenzioni del mondo, non sono io perché l’io non può essere fissato ad un’immagine momentanea e mutevole.
Quell’io che vedete è un attore che recita in una commedia, in un certo senso non ha nome né forma precisa, come tutti gli attori che possono interpretare vari ruoli.
Ma il mio vero “io” non si manifesta solo nei ruoli ma nella sceneggiatura, nei costumi, nelle parti comprimarie, nella musica, nella regia, nelle luci, negli spettatori… eccetera…


Volendo però dargli un nome chiamerò quell’io Saul Arpino. Un nome inventato? Forse sì e forse no.. il nome potrebbe esistere od avrebbe potuto esistere… mio nonno –ad esempio- avrebbe potuto chiamarsi così… poi per motivi banali, di sopravvivenza bruta, prese a chiamarsi Paolo D’Arpini… ed io voglio seguire il suo esempio -ma al contrario- cambio nome e divento Saul Arpino, perlomeno su questo blog.


A proposito di blog… sentivo il desiderio di crearmi un piccolo palcoscenico sul quale recitare alcune parti che non mi sono consentite in altri spazi. Da questo luogo, che forse mi riporta indietro nel tempo, un ritorno ai dinosauri del passato remoto oppure verso un avanti sconosciuto, non so, mi prenderò la libertà di raccontare e mostrare agli accorti lettori alcune segrete immagini dell’essere… di quel che io sono o non sono, descrivibile o indescrivibile…..


Vostro affezionato, Saul Arpino.

domenica 16 aprile 2017

Il Giornaletto di Saul del 17 aprile 2017 - Calcata: memoria di un tempo che fu, Isis come LGBT, il senso del peccato, Natale di Roma, la questione dell'alternatività, la storia del Giornaletto di Saul...



Care, cari, ecco una memoria di un tempo che fu... (e che forse è ancora...) - Scriveva Roberto Sgaramella: “Ci porti a Calcutta? No, molto più vicino: andiamo a Calcata. Il malinteso è ricorso frequentemente con i numerosi amici dall’Estremo Oriente che ho condotto nel corso degli anni a visitare il piccolo villaggio che si affaccia sulla valle del Treja. Riflettendo, ho concluso che il malinteso non è così casuale e va aldilà della similitudine tra i due nomi. Si va a Calcutta o si visita Calcata perché si è curiosi di conoscere esempi alternativi di stili di vita...” - Continua: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.it/2013/12/circolo-vegetariano-vvtt-memoria-di-un.html

Dormire ancora? Scrive Maurizio Angeletti: “Sono appena poco più di ottanta, le famiglie super ricche di questo mondo, che controllano la quasi totalità delle ricchezze di questo pianeta; e l’individuo massificato crede ancora che la politica possa fare qualcosa per affrontare, non dico risolvere (me ne guarderei bene), i nostri problemi di “sopravvivenza”. Mi dispiace essere pessimista, poiché di indole non lo sono, ma negli occhi della gente leggo solo una triste e cupa rassegnazione a questa situazione e mai un moto di rivolta attraverso un pensiero costruttivo per difendere la propria dignità. - Ma quando impareranno che l’adeguamento non è mai una soluzione, ma solo una sosta temporanea prima di una ripartenza?”

La storia del Giornaletto di Saul - Nel 2006 mi lasciai convincere dal caro amico Peter Boom di farmi regalare un computer e di collegarmi su internet. La cosa mi costrinse anche a fare l'allaccio all'Enel poiché in quel periodo stavo facendo un esperimento di sopravvivenza bruta, andavo a candele. Precedentemente, dagli anni '90 al 2000, mi ero occupato moltissimo di comunicazione ed informazione, avendo collaborato con numerosi giornali e radiotelevisioni, infatti per circa un ventennio.... - Continua: http://saul-arpino.blogspot.it/2017/04/il-giornaletto-di-saul-presentato-ai.html

Perugia-Assisi e petizione per la pace – Scrive Olivier Turquet: “Petizione per una Perugia-Assisi straordinaria lanciata da Alex Zanotelli e che ora si può firmare grazie ad Alfonso Navarra: https://www.petizioni24.com/fermiamoisignoridellaguerra - Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una ‘guerra mondiale a pezzetti’, a una carneficina spaventosa come quella in Siria, a un attacco missilistico da parte di Trump contro la base militare di Hayrat in Siria, e pure allo sgancio della Super- Bomba GBU-43 in Afghanistan e a un’incombente minaccia nucleare...”

“Ultimo appello” agli italiani – Scrive Marco Mori: “Cari italiani, il Paese vive un momento drammatico. Siamo travolti dal regime violento della finanza internazionale che, tramite un governo collaborazionista e false opposizioni, ci impone riforme che consolidano, ogni giorno di più, il potere del capitale. La Costituzione è calpestata, la falsa emergenza cancella i diritti e offusca le menti. Ci hanno convinto ad amare i carnefici e a credere nelle loro politiche. Ci hanno convinto che non c’è più nulla da fare, che dobbiamo competere con tutto e tutti in questo nuovo mondo. Ma le bestie competono! Gli esseri umani collaborano per il bene comune!...” - Continua: http://www.circolovegetarianocalcata.it/2017/04/16/ultimo-appello-agli-italiani-prima-della-condanna-o-dellassoluzione-in-cassazione/

Pranzo pasquale – Scrivono Maria e Tiziano: “Cari Caterina e Paolo, abbiamo pensato a voi dopo il pranzo di Pasqua. Forse sorriderete nel leggere quello che abbiamo scritto. Nutrimento per il corpo diviso in due: 100 gr di tagliatelle fresche condite con salsa di sedano di nostra produzione, un cespo di lattuga, metà finocchio in pinzimonio, qualche fetta biscottata e 7 grissini, acqua di sorgente, condimenti, due cucchiai di olio oliva + sale. Nutrimento per lo Spirito: Gioia e Gratitudine alla Generosa terra e a tutti coloro che hanno contribuito, ritenendoci fortunati, rispetto a chi non ha di che nutrirsi. Grazie per aver "condiviso" con noi il pranzo Pasquale.”

Il senso del peccato (che conviene alle religioni) – Le religioni hanno poco o nulla di buono, quel poco di buono che forse hanno avuto in passato, ovvero la spiritualità naturale e spontanea tesa alla conoscenza di Sé (chiamalo “dio” se vuoi), è stato cancellato per interessi di mantenimento del potere acquisito sulle masse. Sommergendo le masse di norme etiche e morali che sono a volte impossibili da soddisfare, consentendo però che venissero trasgredite purché “confessate” come peccati, di cui pentirsi… Di tale ipocrisia e finzione ne abbiamo avuto abbastanza ed il recupero di una laicità spirituale, a tutto campo, compresa una laicità sessuale... - Continua: https://circolovegetarianotreia.wordpress.com/2016/04/16/la-religione-e-basata-sul-senso-del-peccato-soprattutto-in-chiave-sessuale/

Quanto ci costa l’infìdo cellulare? - Scrive Roberto Tumbarello: “Con pochi euro ci trastulliamo dalla mattina alla sera. Senza pensare al costo, che non è tanto in denaro, quanto in tempo che sottraiamo al dialogo, alla riflessione, allo studio e al lavoro. Talvolta, per leggere o mandare un sms si perde la vita al volante. A scuola, per scambiarsi inutili messaggi, non si seguono le spiegazioni del prof. Quando i presidi li vietarono, ci fu la rivolta dei genitori. Rivendicavano – e lo ottennero – il diritto dei figli di oziare sul web e coltivare l’ignoranza. In ufficio e in fabbrica il rendimento è dimezzato. Non si vive più senza telefonino. Persino i medici parlano mentre visitano. Professionisti seri sono solo i delinquenti. Non usano WhatsApp mentre operano.”

Treia. Natale di Roma - Tutte le strade portano a Roma, o forse il contrario? Forse tutte le strada partono da Roma e vanno altrove, magari a Treia, dico io. E lo dico a ragion veduta, infatti pur essendo nato a Roma ecco che il destino mi ha fatto lasciare la patria avita per farmi arrivare in quel territorio che un tempo fu Stato della Chiesa. Nelle Marche. Però non dimentico le origini e anche quest'anno festeggerò il Natale di Roma... - Continua: http://treiacomunitaideale.blogspot.it/2017/04/21-aprile-2017-tutte-le-strade-partono.html

VIA stravolta - Scrive Eliana: "Ho appreso della proposta del Governo Gentiloni sulla nuova procedura di Valutazione di Impatto Ambientale, con un Decreto che, se approvato, costituirebbe lo stravolgimento della Direttiva Comunitaria 2014/52/UE. Il Governo vuole zittire i cittadini quando le norme internazionali promuovono un costante coinvolgimento di noi cittadini e degli enti locali alle scelte che riguardano l'ambiente, i nostri territori e la nostra salute. Info. info@opzionezero.org"

Case chiuse, ISIS e LGBT... - Scrive Fulvio Grimaldi: “Ho fatto giusto in tempo, a Genova, a conoscere quelle case che chiamavano chiuse. Chiuse non tanto a chi vi entrava quanto a chi ne avrebbe voluto uscire: le prestatrici d’opera. Godevano di un permesso di qualche ora la domenica, perlopiù per brevi incontri con una loro creaturina affidata a qualche parente, si spostavano a plotoni ogni 15 giorni da una città all’altra (perciò, salivando, ci si informava sulle “quindicine” nuove arrivate...” - Continua: http://paolodarpini.blogspot.it/2017/04/case-chiuse-come-isis-e-lgbt-se-ne-fa.html

Ferento. Aperto al pubblico – Scrive Mauro Galeotti: “L'antico sito archeologico di Ferento, che da due anni è visitabile grazie all'impegno dei volontari dell'associazione Archeotuscia e che con un recentissimo intervento di ripulitura è stato nuovamente liberato da erbacce e vegetazione che coprivano la zona, resterà aperto alle viste per tutto il periodo pasquale e durante i "ponti" del 25 aprile e del Primo maggio.”

La questione dell'alternatività – Scrive Caterina Regazzi: “La questione dell’alternatività, si chiami “bioregionalismo”, “vegetarismo” o si chiami “essere di sinistra” è che tale attributo dà spesso alla persona che lo incarna un senso di superiorità. A volte questa supposta superiorità si può obiettivamente riconoscere come legata ad un fattore di consapevolezza della propria natura da cui scaturiscono “scelte” che sono in sintonia con se stessi e possibilmente con il resto della vita, visto che facciamo parte di un tutt’unico che si influenza vicendevolmente...” - Continua: http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2017/04/la-questione-dellalternativita.html

Mio commentino: “... è un viaggio lungo un percorso evolutivo senza pretenziosità… Ecco il sentiero bioregionale e spirituale per il nuovo millennio”

Ieri siamo stati ad Amandola a visitare la Casa delle Erbe di Sonia Baldoni... Presto seguirà un breve resoconto con album fotografico. Ciao e Buon Pasquetta a Tutti!, Paolo/Saul

…......................

Pensieri poetici del dopo Giornaletto:

"Che ci piaccia o no, siamo noi la causa di noi stessi. Nascendo in questo mondo, cadiamo nell'illusione dei sensi; crediamo a ciò che appare. Ignoriamo che siamo ciechi e sordi. Allora ci assale la paura e dimentichiamo che siamo divini, che possiamo modificare il corso degli eventi, persino lo Zodiaco." (Giordano Bruno)

…....................


"Quando l'amore vi chiama, seguitelo. Anche se le sue vie sono dure e scoscese." (K. Gibran)

Nessun commento:

Posta un commento